chanceedizioni@gmail.com

Bellezza -seconda parte-

Bellezza -seconda parte-

Come anticipato nello scorso numero, questa è la seconda intervista sul tema della bellezza, fatta a Benedetta Valentini: dottoressa in legge e fotografa (visita il suo profilo Instagram il_diario_fotografico_di_bene)

 

COSA PENSI DELLA BELLEZZA?

Per me la bellezza è un concetto estremamente soggettivo; sia che si parli di persone o di cose materiali, credo che esista un’ idea di bellezza condivisa da molti , ma non un concetto di bello universalmente inteso; questo perché ogni individuo  ha, come è giusto che sia, una propria visione delle cose; ciò che è bello per alcuni, può per altri rimanere indifferente o addirittura non piacere. Nonostante i media, spesso, cerchino di parlarcene in termini assoluti, ognuno di noi attraverso le esperienze personali sviluppa un gusto e una sensibilità propria che lo spinge a considerare bello ciò che lo interessa.

 

CHE RAPPORTO HAI CON LA BELLEZZA?

Io con la bellezza ho un bel rapporto; fin da ragazzina sono sempre stata un’osservatrice curiosa; la mia adolescenza è stata una continua ricerca di bellezza nei libri; nei film; nelle canzoni; in tutte quelle forme d’arte che mi permettevano di crescere e migliorare come donna, ma prima di tutto come essere umano. Mi capita molto spesso di sentir parlare di bellezza solo da un punto di vista fisico, ma in realtà la bellezza è un concetto molto più alto; sta in tutto ciò che ci suscita emozione, in tutto ciò che ci coinvolge;  può stare in un timbro di voce, in un sorriso, in una particolare gestualità, in un paragrafo di un libro; in pratica nelle piccole cose, che poi sono quelle di cui alla fine ci innamoriamo davvero.

 

COME SI LEGA LA BELLEZZA AL TUO LAVORO DI FOTOGRAFA?

Nella mia idea di fotografia, la bellezza è fondamentale; osservo ciò che mi circonda e aspetto che il mio occhio capti una suggestione. L’obiettivo mi aiuta ad immortalare ciò che mi ispira, sia che si parli di paesaggi, scorci o volti. La sfida più grande, nella mia ricerca della bellezza, mi si propone ogni qualvolta mi dedico ai ritratti, perché fotografando persone con canoni estetici sempre diversi, il mio occhio deve individuare caratteristiche e punti di forza sempre nuovi. Un lavoro utilissimo per confermare il concetto che la bellezza non deve avere stereotipi, ma si deve nutrire di particolarità.

 

Segui il profilo Facebook di Marina La Loggia

psicologa e psicoterapeuta.

 

di Marina La Loggia

photo: Benedetta Valentini

 

Rispondi