Ossimoro dell’ as_senza

È una mancanza

grande

vivere

con il vuoto

che riempie

la tua assenza.

Curo di tenerezza

gli attimi

e semino ricordi,

musica in ritornelli di vento

che sollevano questa pena.

Nel sorriso che resta

mi hai lasciato

ritagli di luce

ad inseguire con lo sguardo

rondini

intrecciarsi nel volo dell’amore.

Primavera ritorna

a gonfiare le zolle

di colori

non ti scordar di me

(come potrei?)

si sfiorano con delicato moto

spinte da zefiri che portano

pollini e brusii

Ho già_cinto la mia veste di fiori

profumi e petali

in delicata dolcezza di spine

a rincorrere il maggio…

carezze tue

di mia malinconia.

Solitario bivacco di pensieri

ti raggiunge

e si cheta

assopito sul cuore;

stelo di tenerezza

il tuo ricordo.

 

Pagina Facebook: Nei Miei Silenzi

 

di Francesca Falco

 

photo: Ketty D’Amico

 

Rispondi

Related Post

I capelli

Si erano conosciuti da bambini. Abitavano a due portoni di distanza, stessa scuola elementare e le loro famiglie che si frequentavano la domenica. Poi l’adolescenza, le prime attrazioni nel guardarsi

Bellezza – terza parte –

Intervista     Quello che segue è il terzo articolo sul tema della bellezza. L’intervistata è stata rivolta a Caterina Merlini, grafica.   Cos’è per te la bellezza? Credo di

Aspettazione

Allora ripetilo, un’altra volta; ripetilo, se ne hai il coraggio, senza remora alcuna «Che fortuna», dicesti. Eppur ti avevo avvertito sarebbe stato rischioso e anche stavolta non mi hai sentito: