Veglia scalza

Capita la notte mi svegli

e, sveglia, a volte ti avverta.

A un’ora che dici arrivi

siedi alla fine del letto,

mi sfiori la gamba che ci manca.

Non sei grigia,

ma bionda.

Mi prepari la merenda,

disegniamo gli ombrelli

i tuoi sono più belli.

Siedi sulla panca bianca

e io sono la bimba che ti scappa

tra le spighe,

che scrive fuori dalle righe

che non vuole dormire.

Ero la bimba scalza.

Sulla ghiaia calda ero scalza.

Anche adesso

nelle scarpe

sono scalza.

Anche ora è come prima.

Un lieve dolore per un poco di sole.

 

Pagina Facebook Andrée

 

di Eugenia Nardone

 

photo: Maria Geraldes

Rispondi

Related Post

Il buio mi parla di te

Parto col dire che la luce non è qui; è, come dire, nascosta il respiro è terso la testa pesante la penna blu, elegante, dipinge sul foglio nell’alba di una

Dietro

Dietro tratta dal libro Se scrivo lettere d’Amore rompo tutto l’Alfabeto (2014-2015) Edizioni IsoleAsole Collana unapiazzaemezza   Guardami le spalle mi sento più sicura se le ricorderai, rileggile con cura

Aiuto. Ho paura delle malattie!

La paura delle malattie è la conseguenza di un progressivo distacco dall’ascolto del corpo e segnala il bisogno di ridare significato alla vita (… e alla morte). Chi ne soffre