Veglia scalza

Capita la notte mi svegli

e, sveglia, a volte ti avverta.

A un’ora che dici arrivi

siedi alla fine del letto,

mi sfiori la gamba che ci manca.

Non sei grigia,

ma bionda.

Mi prepari la merenda,

disegniamo gli ombrelli

i tuoi sono più belli.

Siedi sulla panca bianca

e io sono la bimba che ti scappa

tra le spighe,

che scrive fuori dalle righe

che non vuole dormire.

Ero la bimba scalza.

Sulla ghiaia calda ero scalza.

Anche adesso

nelle scarpe

sono scalza.

Anche ora è come prima.

Un lieve dolore per un poco di sole.

 

Pagina Facebook Andrée

 

di Eugenia Nardone

 

photo: Maria Geraldes

Rispondi

Related Post

IL PAPAVERO ROSSO

C’era una volta, arroccato sulla cima di una montagna, un piccolo paese perennemente avvolto da una leggera nebbia grigia e fumosa, come in una morbida coperta di lana. Lo stato

Bellezza – terza parte –

Intervista     Quello che segue è il terzo articolo sul tema della bellezza. L’intervistata è stata rivolta a Caterina Merlini, grafica.   Cos’è per te la bellezza? Credo di

Riflessioni sull’Irretimento Familiare

Oggi sento di comunicarvi, attraverso un breve articolo, la mia visione sull’IRRETIMENTO FAMILIARE. Per farlo devo riportare la vostra memoria a quando da bambini i genitori, o chi per loro,