Il buio mi parla di te

Parto col dire che la luce non è qui;

è, come dire, nascosta

il respiro è terso

la testa pesante

la penna blu, elegante, dipinge sul foglio

nell’alba di una fioca luce

dipinta dal limbo immemore

del tuo ricordo.

Elegante, fine, il raggio oscuro s’infiltra

l’occhio si richiude

e dimentico il motivo per cui sono qui.

Ho visto le tue carnose labbra fremere

i tuoi occhi, sempiterni specchi di foresta,

gemere sorridendo,

i tuoi capelli ramati ciondolare

sulla tua testa irriverente

timida.

Indiscreta.

Di abbracci non s’è parlato.

Se non in un timido raccolto compiuto

dal pensiero all’alba di questa uggiosa

giornata.

Sono tornato a casa,

mogio.

Morto.

Il mio respiro dice che sono qui

senza luce apparente,

e se un brivido percorre le mie guance

punte dalla barba

è per sentire le tue impossibili labbra

sbatterci contro.

 

Instagram vik_boh

di Vincenzo Di Giorgio

 

photo: Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Bellezza – terza parte –

Intervista     Quello che segue è il terzo articolo sul tema della bellezza. L’intervistata è stata rivolta a Caterina Merlini, grafica.   Cos’è per te la bellezza? Credo di

Veglia scalza

Capita la notte mi svegli e, sveglia, a volte ti avverta. A un’ora che dici arrivi siedi alla fine del letto, mi sfiori la gamba che ci manca. Non sei

Aspettazione

Allora ripetilo, un’altra volta; ripetilo, se ne hai il coraggio, senza remora alcuna «Che fortuna», dicesti. Eppur ti avevo avvertito sarebbe stato rischioso e anche stavolta non mi hai sentito: