Aprìle, àprile.

In cima alle rose
_ il mio posto
le mani nude
curano fiori
mentre un’illustrazione di stelle
accudisce la notte dentro un giardino dove s’affolla la sera.
Farci una casa con le parole spogliate
metterci dentro un cielo che non sa  parlare
tu
che pronunci il mio nome.
Cosa importa ora
se piove?
Direi che resta

un bisbiglio di lavanda
alla terra che non sono stata.
Restano
i nidi che non ho abitato
i giorni che non sono venuti.
Così taccio
come si può tacere del vento le bocche mai avute
che non basta mai
scriverti.

Pagina Facebook Il piacere di pensare

 

di Annamaria Scopa

 

photo: Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Devozione di un amante

Dai tuoi capelli color pace dei sensi come una festa piove la salvezza della mia malinconia, mentre arrampicato sul treno dei tuoi discorsi sta assonnato il mio desiderio: tu lo

Calarossa

Il signor Greco, a ottant’anni compiuti, esce di casa una volta al giorno. Passa davanti al bar, al giornalaio, al panificio. Delle volte fa acquisti, delle volte no. La spesa

I capelli

Si erano conosciuti da bambini. Abitavano a due portoni di distanza, stessa scuola elementare e le loro famiglie che si frequentavano la domenica. Poi l’adolescenza, le prime attrazioni nel guardarsi