Aspettazione

Allora ripetilo,

un’altra volta;

ripetilo,

se ne hai il coraggio,

senza remora alcuna

«Che fortuna», dicesti.

Eppur ti avevo avvertito

sarebbe stato rischioso

e anche stavolta non mi hai sentito:

assai duole dirti te l’avevo detto.

Ci hai provato

– ma stavolta più d’ogni altra volta

ci hai creduto sul serio –

a infondere negli altri il sentimento che

avresti voluto ricevere

invece finendo gli altri

a ricevere in loro stessi il sentimento che

mai si sarebbero curati di darti.

Non è stato forse il tuo verbo abbastanza eloquente?

È stato certo il tuo agire egoista

per averci provato per averci sperato per averci infine creduto

per aver approfittato dello spirito altruista.

E a cosa è servito

per poi aver patito l’ennesimo dolore?

Quale soluzione migliore?

:così tu ti chiudi dentro

più dentro più dentro più dentro

mentre il tuo tormento

sempre più si accresce in fuori

in fuori in fuori in fuori

e la corazza impenetrabile più si ispessisce

covando finti rancori.

Se tu solo lo mettessi a digiuno

uscendo tu fuori

e ricacciando lui dentro

ma non hai più motivo alcuno

per fidarti:

al centro d’un circolo vizioso sei

e sai bene come andrà a finire…

Così dicesti «Che fortuna» e

preferiresti ora morire

per averci riposto il cuore

ché forse in fondo non era del tutto reale

ma dirlo la faceva credere una preghiera

e quale richiesta tua più vera

d’aiuto?

 

 

testo e foto di Rita Bernardi

Rispondi

Related Post

Ossimoro dell’ as_senza

È una mancanza grande vivere con il vuoto che riempie la tua assenza. Curo di tenerezza gli attimi e semino ricordi, musica in ritornelli di vento che sollevano questa pena.

8volante

Ti ho graffiato un sorriso sulla schiena Volevo farti ridere dietro Volevo mi ballassi intorno Volevo mi venissi incontro Volevo mi restassi dentro Come quando a incrociarsi furono gli odori

Il buio mi parla di te

Parto col dire che la luce non è qui; è, come dire, nascosta il respiro è terso la testa pesante la penna blu, elegante, dipinge sul foglio nell’alba di una