Assoli

Non me la sono cavata mai

a fare gli assoli

improvvisati

o già disegnati

preferivo accompagnarti sai

tra una melodia e due soli

ardenti di gocce

di risate sotto i baffi

Non me la cavavo mai con gli assoli

i tuoi occhi eran due riflettori

uscivan singhiozzi dalle dita,

dalle corde come una parola timida

dalla mia bocca usciva un sibilo

preferisco ripararti da ogni spiffero

d’aria e con due accordi in settima maggiore

farti cantare anche se non ricordi le parole

con un plettro e una botta sulle corde stoppate

per tenerti la mano

un tappeto in senso musicale

in senso tibetano

preferisco stendermi al tuo fianco

scordarmi la rima e del foglio sul banco.

Non me la sono cavata mai

a fare gli assoli

preferisco farmi i cazzi tuoi.

 

 

di Francesco Sueri

Blog RECTO E VERSO

 

photo di Selma Neudert

Rispondi

Related Post

Editoriale – Giugno 2018

“Nel futuro ognuno sarà famoso al mondo per 15 minuti”. Così Andy Wahrol profetizzava negli anni ‘70. Chissà se quello che aveva in mente era esattamente ciò che sta accadendo?

Le donne di luce

Erano tutte in strada. Erano un mare di donne bianche d’abiti nunziali. Un raduno luminoso, fine a se stesso, un passaparola di luce, un contagio d’intenzione. Un lieve ronzio ed

Ritratto

Le case viste da lontano sembrano draghi o catene montuose – e tu da lontano sembri un pilastro di pugnali d’acqua: non ti guasta una carezza, ma ti salva, sei