Assoli

Non me la sono cavata mai

a fare gli assoli

improvvisati

o già disegnati

preferivo accompagnarti sai

tra una melodia e due soli

ardenti di gocce

di risate sotto i baffi

Non me la cavavo mai con gli assoli

i tuoi occhi eran due riflettori

uscivan singhiozzi dalle dita,

dalle corde come una parola timida

dalla mia bocca usciva un sibilo

preferisco ripararti da ogni spiffero

d’aria e con due accordi in settima maggiore

farti cantare anche se non ricordi le parole

con un plettro e una botta sulle corde stoppate

per tenerti la mano

un tappeto in senso musicale

in senso tibetano

preferisco stendermi al tuo fianco

scordarmi la rima e del foglio sul banco.

Non me la sono cavata mai

a fare gli assoli

preferisco farmi i cazzi tuoi.

 

 

di Francesco Sueri

Blog RECTO E VERSO

 

photo di Selma Neudert

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: