Ritratto

Le case viste da lontano

sembrano draghi o catene

montuose – e tu

da lontano

sembri un pilastro

di pugnali d’acqua:

non ti guasta

una carezza, ma ti salva,

sei un aereo

che decolla quando dormi,

un reticolo di desideri satelliti

si alterna nel palcoscenico

dei tuoi occhi

e ti si spegne addosso la paura

come un astro dentro ai buchi neri.

Hai il peso

specifico di una farfalla

e le gambe greche

di un tempio in pietra.

 

 

di Eva Luna Mascolino

 

 

photo di Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Visioni Notturne. Atti unici con Intervallo (seconda parte)

Eugéne Ionesco, nato a Slatina nel 1909 e morto a Parigi nel 1994, per me è sempre stato il più grande drammaturgo del Novecento.  E non credo di esagerare. Tra

Il Mondo: Un Fantasmagorico Caleidoscopio

«Certe volte viaggiare è come narrare una storia priva di una trama stabilita. Pertanto il racconto è un terreno alieno che si presta ad essere sondato mentre, passo passo, vi

Chi era Irene?

Ho le dita che mi ansimano sulla schiena, stasera. Al gentil pensiero delle tue labbra che mi scoprivano i nei indecorosi sul ventre. Ti pronuncerò, a labbra strette, il nome