Roads to nowhere

Fuggo la mia notte, la mia notte arriva comunque.

Sfinteri spirituali e vacue promesse sono il pane quotidiano di bocche senza denti.

Sfamarsi non risolverà il problema.

Il problema

come la notte

ritorna, sempre.

La sacra

orrenda fogna

fagocita ancora e ancora,

ha fame dei sogni rimasti

e mangia

e mangia.

Mangia e sogna

sogna e mangia e

non si sazia mai.

Che i sogni son come granelli di zucchero sulla sua acida lingua

e addolcirla è del tutto inutile,

sfilaccia la trama dei sogni

li mastica tanto da sentire quasi il sapore delle nostre lacrime.

E butta giù

butta giù la codardia

delle azioni mancate.

Bocca che mangia

e sogna

e mastica

la libertà della quale ci siamo privati.

Arriverà l’uscita.

Passeremo attraverso strade scoscese

e curve strette.

Sempre più

compressi

aridi

avvinghiati.

Sogni che sono noi.

Noi che siam sogni.

Accecati

alla fine del tunnel.

Abbagliati

dalla potenza di uno sfintere.

 

 

di Nadia Caruso

 

photo: VeroNique Carozzi

Rispondi

Related Post

Parte V: Luna dell’alba

Racconto a capitoli La luna dell’alba Inquietudine di mille farfalle notturne. LUNEDÌ 11 LUGLIO 2016   Parte V: Luna dell’alba Capire una persona dopo la sua morte è difficile, è

Il posto vuoto

Sto percorrendo dopo un anno quella strada che ci ha visto ridere insieme come bambini davanti a un cuscino di zucchero filato. La ricordi, vero? Una lunga linea che si

Editoriale – Giugno 2018

“Nel futuro ognuno sarà famoso al mondo per 15 minuti”. Così Andy Wahrol profetizzava negli anni ‘70. Chissà se quello che aveva in mente era esattamente ciò che sta accadendo?