chanceedizioni@gmail.com

La luna dell’alba – parte VI°

La luna dell’alba – parte VI°

LUNEDÌ 11 LUGLIO 2016

– Voglio raccontarti una cosa, voglio rispondere ad una domanda che mi hai fatto tempo fa a cui ho risposto solo in parte.                                                                                                          Mi sono tatuata questa Luna al compiere dei miei diciotto anni, quando sono fuggita dalla casa dove viveva mio padre con i miei fratelli.                                                                      Era un’alba come tante, rosa e gialla, ma con ancora quel pizzico di blu residuo della notte, c’era ancora un quarto di Luna, pronta a lasciare spazio al Sole, ma ancora ben visibile.

Non ho capito fino ad ora il perché di questo tatuaggio, pensavo solo fosse per ricordarmi che c’erano quel giorno sia il Sole che la Luna a guardarmi iniziare una vita nuova, una vita mia. Mi sono sbagliata, per l’ennesima volta.   

La mia Luna dell’alba sei tu, Filippo.                                                              

Tu, che mi hai saputo aspettare e vedere sorgere, come fossi il Sole, priva della mia notte, senza i miei incubi.                                                                                                                                

Ora che l’ho capito posso davvero sorridere, posso davvero stringerti.

Elena mi attirò a sé per la prima volta, che si rivelò anche l’ultima.

Quella notte il suo cuore si è fermato, nel momento in cui tutto era più buio, ma non ha avuto paura, perché sapeva che sarebbe stata finalmente serena, lontana da questo posto, sapendo che io le sarei sempre stato vicino, che l’avrei sempre sorretta.

Ho baciato la fotografia di un’Elena che non conosco su questa lapide bianca; ha la faccia di bambina e gli occhi ancora vispi. Ho voluto mettere una sua foto antecedente alla violenza, perché voglio ricordarmela come non l’ho conosciuta mai, con negli occhi ciò che lei era davvero, senza alcuna bruttura ad offuscare la sua bellezza.    

Mi siedo su una panchina sotto un ciliegio, in questa nuova primavera senza mia madre e senza il mio amore.                                                                                                                           Elena mi ha insegnato che l’amore è prendersi cura delle debolezze dell’altro, saper attendere i tempi giusti, avere il cuore aperto sempre, per sostenersi e vedersi davvero per come si è veramente, senza le nebbie della fretta, senza porre dolore su dolore, per poter annullare le ferite e potersi salvare a vicenda.

Un gatto mi si avvicina e sorrido, è quello grigio che prendeva sempre in braccio lei: è Elena che mi saluta. Le mando un bacio volante, come fossi un bambino che bacia le nuvole; un bambino che ha agguantato l’infinito e ha compreso che l’amore vero è sapere aspettare, come la Luna aspetta il suo Sole.

 

Pagina Facebbok: Inquietudine di mille farfalle notturne.

 

di Diletta Ziveri

 

photo: Donna Pasini

 

Rispondi