15 versi

C’è un gioco che si compie

nel ciondolarti al mio collo

un’ipnosi o, ancora meglio, un tramonto

a dirsi sorriso quando io non ne so fare.

 

C’è un profumo legnoso

una fragranza di spezie e mirto

come in rioni e mercati

vado in cerca d’occhi che siano narici.

 

Non vuoi che ti domandi

come stai? – insisto – come stai?

 

C’è un modo di parlarsi che non ti porti addosso

vuoi intimo, vuoi ruvido

come corteccia a scolpire la nudità dell’albero.

 

Perciò tu avrai la stasi delle mie frasi.

Mano nella mano. Rosa e frangipane.

 

tratto da Risonanze Oniriche, D&M, settembre 2014

Pagina Facebook: ScritturaSpontanea

 

di Rossana Orsi

 

photo di Veronique Carozzi

Rispondi

Related Post

Ombra

Non chiedetemi da dove arriva la tristezza se schiude corolle o disseta la morte. Lei mi chiede parole per coprire i tuoi occhi, se morirò cos’ha da domandarmi ancora quell’ombra?

Editoriale – numero 23

Questo tempo manca di poesia. Esiste un numero incalcolabile di poeti, ma la poesia non è sufficiente al fabbisogno mondiale. Dobbiamo guardarci indietro e capire dove sia stata persa. Dobbiamo

Per non sentirsi sole

Le labbra delle donne sono come un campo da battaglia; alcune, rose luminose, sono promesse poi mai mantenute di conturbanti sentieri e abbandoni al peccato, mentre altre, arcigne, ti osservano,