15 versi

C’è un gioco che si compie

nel ciondolarti al mio collo

un’ipnosi o, ancora meglio, un tramonto

a dirsi sorriso quando io non ne so fare.

 

C’è un profumo legnoso

una fragranza di spezie e mirto

come in rioni e mercati

vado in cerca d’occhi che siano narici.

 

Non vuoi che ti domandi

come stai? – insisto – come stai?

 

C’è un modo di parlarsi che non ti porti addosso

vuoi intimo, vuoi ruvido

come corteccia a scolpire la nudità dell’albero.

 

Perciò tu avrai la stasi delle mie frasi.

Mano nella mano. Rosa e frangipane.

 

tratto da Risonanze Oniriche, D&M, settembre 2014

Pagina Facebook: ScritturaSpontanea

 

di Rossana Orsi

 

photo di Veronique Carozzi

Rispondi

Related Post

Notte bianca

La verità è che se l’è fottuta la paura. Si è fottuta tanta gente, la paura. Con taluni ha avuto più tatto, pare riesca ad esser gentile quando l’aggrada esserlo.

Per non sentirsi sole

Le labbra delle donne sono come un campo da battaglia; alcune, rose luminose, sono promesse poi mai mantenute di conturbanti sentieri e abbandoni al peccato, mentre altre, arcigne, ti osservano,

Editoriale – numero 23

Questo tempo manca di poesia. Esiste un numero incalcolabile di poeti, ma la poesia non è sufficiente al fabbisogno mondiale. Dobbiamo guardarci indietro e capire dove sia stata persa. Dobbiamo