15 versi

C’è un gioco che si compie

nel ciondolarti al mio collo

un’ipnosi o, ancora meglio, un tramonto

a dirsi sorriso quando io non ne so fare.

 

C’è un profumo legnoso

una fragranza di spezie e mirto

come in rioni e mercati

vado in cerca d’occhi che siano narici.

 

Non vuoi che ti domandi

come stai? – insisto – come stai?

 

C’è un modo di parlarsi che non ti porti addosso

vuoi intimo, vuoi ruvido

come corteccia a scolpire la nudità dell’albero.

 

Perciò tu avrai la stasi delle mie frasi.

Mano nella mano. Rosa e frangipane.

 

tratto da Risonanze Oniriche, D&M, settembre 2014

Pagina Facebook: ScritturaSpontanea

 

di Rossana Orsi

 

photo di Veronique Carozzi

Rispondi

Related Post

Amore pioniere

Ricercatori eterni provenienti dal Cosmo, figli di un Universo impalpabile, in Vite e anime assetate d’immensità, esploratori erranti, pionieri di viaggi ancestrali, torneremo all’origine maturi e pulsanti d’amore.   Pagina

(IN)compiuta

Posso sentire il tempo. Tra le ore e i giorni ne avverto le storie, il respiro silente nella quiete, l’affanno nelle difficoltà, la sofferenza nelle avversità, l’intimo e silenzioso riserbo

L’offerta

Nessuna bellezza in lei e capelli dalle ciocche rosse. Era una donna singolare. Poi, un carattere ombroso, rari i sorrisi e scarse le risate. In paese la dicevano strana: finché