Ombra

Non chiedetemi

da dove arriva la tristezza

se schiude corolle

o disseta la morte.

Lei mi chiede parole

per coprire i tuoi occhi,

se morirò

cos’ha da domandarmi ancora quell’ombra?

Gettate i miei giorni felici

e poi ancora le mani ferite

portatele al cuore.

Si è spezzata la voce

ed è maturo il grano.

Sono farina i miei giorni

sacchi di vento.

 

Pagina Facebook: Il piacere di pensare

 

di Annamaria Scopa

 

photo: Rossana Orsi

Rispondi

Related Post

Notti di mezz’estate

La frenesia dell’estate mi cade addosso e l’imprevedibilità della vita non mi fa stare ferma. I pensieri scorrono come pioggia in una notte nera. Letti da me stessa, lasciando fuori

L’offerta

Nessuna bellezza in lei e capelli dalle ciocche rosse. Era una donna singolare. Poi, un carattere ombroso, rari i sorrisi e scarse le risate. In paese la dicevano strana: finché

Cadde in strada

Caduto, si è buttato, sulla strada l’uccellino ha pigolato piano,   nel tuo piccolo palmo che è più piccolo di lui ha mosso poco il becco   e tu hai