Ombra

Non chiedetemi

da dove arriva la tristezza

se schiude corolle

o disseta la morte.

Lei mi chiede parole

per coprire i tuoi occhi,

se morirò

cos’ha da domandarmi ancora quell’ombra?

Gettate i miei giorni felici

e poi ancora le mani ferite

portatele al cuore.

Si è spezzata la voce

ed è maturo il grano.

Sono farina i miei giorni

sacchi di vento.

 

Pagina Facebook: Il piacere di pensare

 

di Annamaria Scopa

 

photo: Rossana Orsi

Rispondi

Related Post

Per non sentirsi sole

Le labbra delle donne sono come un campo da battaglia; alcune, rose luminose, sono promesse poi mai mantenute di conturbanti sentieri e abbandoni al peccato, mentre altre, arcigne, ti osservano,

Amore pioniere

Ricercatori eterni provenienti dal Cosmo, figli di un Universo impalpabile, in Vite e anime assetate d’immensità, esploratori erranti, pionieri di viaggi ancestrali, torneremo all’origine maturi e pulsanti d’amore.   Pagina

L’offerta

Nessuna bellezza in lei e capelli dalle ciocche rosse. Era una donna singolare. Poi, un carattere ombroso, rari i sorrisi e scarse le risate. In paese la dicevano strana: finché