Ombra

Non chiedetemi

da dove arriva la tristezza

se schiude corolle

o disseta la morte.

Lei mi chiede parole

per coprire i tuoi occhi,

se morirò

cos’ha da domandarmi ancora quell’ombra?

Gettate i miei giorni felici

e poi ancora le mani ferite

portatele al cuore.

Si è spezzata la voce

ed è maturo il grano.

Sono farina i miei giorni

sacchi di vento.

 

Pagina Facebook: Il piacere di pensare

 

di Annamaria Scopa

 

photo: Rossana Orsi

Rispondi

Related Post

Amore pioniere

Ricercatori eterni provenienti dal Cosmo, figli di un Universo impalpabile, in Vite e anime assetate d’immensità, esploratori erranti, pionieri di viaggi ancestrali, torneremo all’origine maturi e pulsanti d’amore.   Pagina

Editoriale – numero 23

Questo tempo manca di poesia. Esiste un numero incalcolabile di poeti, ma la poesia non è sufficiente al fabbisogno mondiale. Dobbiamo guardarci indietro e capire dove sia stata persa. Dobbiamo

La luna dell’alba – parte VI°

LUNEDÌ 11 LUGLIO 2016 – Voglio raccontarti una cosa, voglio rispondere ad una domanda che mi hai fatto tempo fa a cui ho risposto solo in parte.