Per non sentirsi sole

Le labbra delle donne sono come un campo da battaglia; alcune, rose luminose, sono promesse poi mai mantenute di conturbanti sentieri e abbandoni al peccato, mentre altre, arcigne, ti osservano, e ti condannano alla solitudine.


Brutto affare le labbra:
screpolate, incontrollate
nude, a tratti opache,
che sanno di mattine dimenticate,
di orgasmi condannati alla rinuncia,
o di mandorle amare.

Brutto affare le labbra:

dure, rancorose
mordono e ‘appigliano al viso per non sentirsi sole.

La lingua è loro amica: passa sulle ferite donate a loro alla nascita, estremo baluardo del piacere, o del suo disperato inizio.
E quando, nel sospiro, lasciano uno spiraglio per far passare l’aria, esse credono, ingenue, che ci sia vita in quell’attimo che fugge greve.

 

di Vincenzo Di Giorgio

 

photo: Dahila

Rispondi

Related Post

Dalla Gran Madre a Piazza Castello (e ritorno)

Elegante Signora, seduta ai piedi delle montagne, rigogliosa di storie e di contraddizioni, regale ed operaia, fastosa e discreta, grigia ed allegra. Da lontano la sua eco arriva debole. Non

IL BUIO OLTRE IL CUSCINO II PARTE – Onirocronache

Si dice che il sonno sia una piccola morte, un infinitesimale intervallo di tempo tra le lotte quotidiane che compongono l’esistenza. Questo “piccolo intervallo” in realtà costituisce un terzo di

IL BUIO OLTRE IL CUSCINO

Aprile dolce dormire. Chi ha inventato questo proverbio non mi conosceva. Sono nata nel mese di aprile e mi sono sempre chiesta il significato di questo detto; probabilmente il mio