Per non sentirsi sole

Le labbra delle donne sono come un campo da battaglia; alcune, rose luminose, sono promesse poi mai mantenute di conturbanti sentieri e abbandoni al peccato, mentre altre, arcigne, ti osservano, e ti condannano alla solitudine.


Brutto affare le labbra:
screpolate, incontrollate
nude, a tratti opache,
che sanno di mattine dimenticate,
di orgasmi condannati alla rinuncia,
o di mandorle amare.

Brutto affare le labbra:

dure, rancorose
mordono e ‘appigliano al viso per non sentirsi sole.

La lingua è loro amica: passa sulle ferite donate a loro alla nascita, estremo baluardo del piacere, o del suo disperato inizio.
E quando, nel sospiro, lasciano uno spiraglio per far passare l’aria, esse credono, ingenue, che ci sia vita in quell’attimo che fugge greve.

 

di Vincenzo Di Giorgio

 

photo: Dahila

Rispondi

Related Post

“A”

Scegli un nome. Qualsiasi esso sia, scegli un nome e poi donalo a me. No anzi, non regalarmelo, attaccamelo addosso ma non come si fa con gli adesivi, le etichette

Andrea e la malinconia

Carissimo Andrea, sto rientrando adesso da L’Aquila, un viaggio non solo fisico. Ci sono stata per girare un corto sulla dimenticanza, o almeno questo voleva essere il senso del lavoro.

Il concetto di perfezione – parte prima –

Partendo dal presupposto che la perfezione in senso assoluto non esiste, né su questa terra né su qualsiasi altro pianeta, perché continuare a perseguirlo? L’ideale di perfezione risiede in tutti