Per non sentirsi sole

Le labbra delle donne sono come un campo da battaglia; alcune, rose luminose, sono promesse poi mai mantenute di conturbanti sentieri e abbandoni al peccato, mentre altre, arcigne, ti osservano, e ti condannano alla solitudine.


Brutto affare le labbra:
screpolate, incontrollate
nude, a tratti opache,
che sanno di mattine dimenticate,
di orgasmi condannati alla rinuncia,
o di mandorle amare.

Brutto affare le labbra:

dure, rancorose
mordono e ‘appigliano al viso per non sentirsi sole.

La lingua è loro amica: passa sulle ferite donate a loro alla nascita, estremo baluardo del piacere, o del suo disperato inizio.
E quando, nel sospiro, lasciano uno spiraglio per far passare l’aria, esse credono, ingenue, che ci sia vita in quell’attimo che fugge greve.

 

di Vincenzo Di Giorgio

 

photo: Dahila

Rispondi

Related Post

La bolla sospesa

Ci sono delle cose in cui credi a dispetto di tutto ciò che ti circonda, anche dell’istinto, quel brivido alle mani che ti avverte, di norma, che è arrivato il

Cogito et volo

Hai sofferto tanto, Veronica. Hai lottato con i denti e con le unghie pur di essere qui. Sei stata forte, forse troppo, come troppo spesso sei rimasta sola con i

IMPRESSIONI SUL METRO’

Sono stato colpito dalla premessa alle “Finzioni” di Borges: c’è questo tipo che parla di specchi in fondo al corridoio e il paragone con l’Alice tanto amata a causa di