…dentro la terra di rosso vestire…

Son morta sei volte

una volta

ma non è questo che conta

macerie di padri

dissesti

tremava la terra

calore di cellule da dissodare

il mutarsi di vite ferite

vessillo d’umana adempienza

l’essere femmina cammina

trecce nei campi sul capo nel pane

volute di fumo

roghi stregati

la salvia dentro alla gonna

è un sipario

pregarsi

divino incarnarsi

piume negli occhi

sguardi volano rasi

 

ora che sono pulita

intono il tamburo al mio cuore

scappate, vili ricordi

le cose possenti

i piedi di roccia

 

tornare avrà quello sguardo

d’eterno sapere

 

tratto dal libro

I sogni hanno una planimetria irregolare

edito da Chance Edizioni ad aprile 2018

SEZIONE: Tracce di Rosso – Poesie

 

Pagina Facebook: Atelier della Luce

testo e dipinto di Nadia Sponzilli

Rispondi

Related Post

Per non sentirsi sole

Le labbra delle donne sono come un campo da battaglia; alcune, rose luminose, sono promesse poi mai mantenute di conturbanti sentieri e abbandoni al peccato, mentre altre, arcigne, ti osservano,

Come spiritualizzare il corpo eterico e soprattutto quello materico-denso?

Il mondo universale è pregno di mille forme di vita, a ogni livello. Immaginate l’universo, quindi il mondo che ci sta intorno, come un microclima di esseri. Avete presente ad

Dacci un taglio

Arriva sempre un momento nel quale senti che devi eliminare una parte di te per andare avanti, per far spazio al nuovo e di conseguenza al sano. Arriva sempre e,