Sonetto dell’amore oscuro

Ho paura di sfiorarti, per caso,
farti cadere come un ramo si spezza,
un mi cantino si sfila dalla paletta
e fischia dalla chiave strisciando.
Ho paura che tu venga qui invano,
e trattenere tutto in un penna
nera, affacciato sulla città alla finestra
mentre scorre il torrente strisciando.
Mi dirai: ”Sciocco, è una patologia”
non vuoi tornare indietro ,per caso
rivivere di nuovo la stessa vita
Intanto una falena entra nel bagno
un ricordo ride, musica balcanica
sogghigno ma corre il tempo  usuraio.

 

Blog: RECTO E VERSO

 

di Francesco Sueri

 

photo: Maria Geraldes

Rispondi

Related Post

MADRI SURROGATE: un amore che fa scandalo.

La donna che decide di prestare il proprio corpo per accogliere un bambino non suo e permettere la genitorialità anche a chi, altrimenti, non potrebbe farne esperienza, compie un gesto

Re_Visione #1

Vecchio stile. Si direbbe che non ci sia più bisogno di carta per scrivere. Eppure non posso fare a meno d’immaginare così la lettura come analisi. Ho scelto di leggere tanto, forse

Heroes

«Zia, che bella che sei in questa foto» Cristiana sta osservando una vecchia foto ingiallita. Al centro della foto una ragazza sorride, con un fiore tra i capelli. Indossa una