Sonetto dell’amore oscuro

Ho paura di sfiorarti, per caso,
farti cadere come un ramo si spezza,
un mi cantino si sfila dalla paletta
e fischia dalla chiave strisciando.
Ho paura che tu venga qui invano,
e trattenere tutto in un penna
nera, affacciato sulla città alla finestra
mentre scorre il torrente strisciando.
Mi dirai: ”Sciocco, è una patologia”
non vuoi tornare indietro ,per caso
rivivere di nuovo la stessa vita
Intanto una falena entra nel bagno
un ricordo ride, musica balcanica
sogghigno ma corre il tempo  usuraio.

 

Blog: RECTO E VERSO

 

di Francesco Sueri

 

photo: Maria Geraldes

Rispondi

Related Post

Ho 12 anni

Non ho più voglia di ascoltare, hai tutte le ragioni del mondo. Sono stanca. Voglio uscire, sentire il sole, voglio passeggiare con le mani nelle tasche, voglio guardare con gli

Ventidue Pensieri.

Ventidue pensieri mi affollano la testa. Il primo è d’amore. Senza il quale non potrei essere qui e grazie al quale gli altri ventuno esistono e seguono. Il secondo è

Rubrica (D.)’Ispirazione

Rubrica (D.)’Ispirazione Ispirare per ispirarci: quando le storie altrui ci spingono a scrivere e a scriverci.   C’è stato un momento in cui ti ho visto e mi sono sentito