Sonetto dell’amore oscuro

Ho paura di sfiorarti, per caso,
farti cadere come un ramo si spezza,
un mi cantino si sfila dalla paletta
e fischia dalla chiave strisciando.
Ho paura che tu venga qui invano,
e trattenere tutto in un penna
nera, affacciato sulla città alla finestra
mentre scorre il torrente strisciando.
Mi dirai: ”Sciocco, è una patologia”
non vuoi tornare indietro ,per caso
rivivere di nuovo la stessa vita
Intanto una falena entra nel bagno
un ricordo ride, musica balcanica
sogghigno ma corre il tempo  usuraio.

 

Blog: RECTO E VERSO

 

di Francesco Sueri

 

photo: Maria Geraldes

Rispondi

Related Post

IO?… NON FACCIO FIGLI!

La decisione di non fare figli è una scelta guardata con sospetto. La genitorialità è considerata da molti la conseguenza (quasi) inevitabile di una relazione duratura. Alcune persone, però, s’interrogano

Il Dittatore

Questa è una storia esattamente come tante altre. Non ha nulla di più, nè nulla di meno; non ha differenze o gravità maggiori o minori. È solo una storia che

Re_Visione #1

Vecchio stile. Si direbbe che non ci sia più bisogno di carta per scrivere. Eppure non posso fare a meno d’immaginare così la lettura come analisi. Ho scelto di leggere tanto, forse