Sonetto dell’amore oscuro

Ho paura di sfiorarti, per caso,
farti cadere come un ramo si spezza,
un mi cantino si sfila dalla paletta
e fischia dalla chiave strisciando.
Ho paura che tu venga qui invano,
e trattenere tutto in un penna
nera, affacciato sulla città alla finestra
mentre scorre il torrente strisciando.
Mi dirai: ”Sciocco, è una patologia”
non vuoi tornare indietro ,per caso
rivivere di nuovo la stessa vita
Intanto una falena entra nel bagno
un ricordo ride, musica balcanica
sogghigno ma corre il tempo  usuraio.

 

Blog: RECTO E VERSO

 

di Francesco Sueri

 

photo: Maria Geraldes

Rispondi

Related Post

Editoriale – numero 23

Questo tempo manca di poesia. Esiste un numero incalcolabile di poeti, ma la poesia non è sufficiente al fabbisogno mondiale. Dobbiamo guardarci indietro e capire dove sia stata persa. Dobbiamo

Un mazzolin di fiori­­

Il sole sorge e mi sv­­eglia. Odio tirar giù­ le p­ersiane fino in ­fond­o prima di andare a d­ormire, perché mi sem­b­ra di soffocare. In­ più, po­i, mi piace ­essere

Welcome to Siberia

Tempi difficili ci attendono, tempi che infine son giunti. Afa, arsura, aria arroventata che attizza i nostri corpi come fossimo precipitati tra le bolge dell’inferno. Ghiaccioli caldi, sciolti e sgocciolanti