chanceedizioni@gmail.com

Come spiritualizzare il corpo eterico e soprattutto quello materico-denso?

Come spiritualizzare il corpo eterico e soprattutto quello materico-denso?

Il mondo universale è pregno di mille forme di vita, a ogni livello. Immaginate l’universo, quindi il mondo che ci sta intorno, come un microclima di esseri. Avete presente ad esempio i batteri che vivono nel nostro corpo? Ce ne sono a migliaia sulla pelle, sulle ciglia e sopracciglia, nell’intestino, ovunque. Ecco questa “fauna” è presente anche nell’eterico, esseri inorganici che possono nutrirsi della nostra energia e in alcuni casi fare da padroni sulla nostra vita come larve, voladores, mo e tanti altri.

Con questo principio possiamo affermare che, come nel corpo i batteri buoni ci aiutano a codificare interferenze non buone per l’organismo e altri batteri o virus ci ammalano, anche in eterico le presenze di luce angeliche e fatate ci danno una mano, mentre le interferenze di larve che sono ghiottissime di basse frequenze, creano discordanze tra il pensiero, la parola e l’agire come invidie, critiche, cattiverie e, sopra ogni altra cosa, le maledizioni. Se maledite qualcuno, non solo vi torna indietro quadruplicato, ma le larve faranno banchetto della vostra energia. Quindi, va da sé che l’unico modo per tenere il campo eterico pulito è Amorevolezza costante.

Evitate di abbassare l’energia con pensieri contraddittori al vostro agire, di dare la colpa agli altri dei vostri mali, di non mettervi in discussione e capire che tutta la vostra esistenza dipende dal vostro grado di consapevolezza e frequenza vibratoria.

Se alziamo le nostre onde radio ciò che ha basse frequenze non potrà mai “agganciarci”. Un aiuto per questo tipo di spiritualizzazione può essere dato dall’attivazione Molecole di Luce Cristica che fa una pulizia immediata del nostro campo energetico.

L’Olismo (der. del gr. hólos ‘tutto intero’) è una posizione teorica basata sull’idea che le proprietà di un sistema non possono essere spiegate esclusivamente tramite le sue componenti. Dal punto di vista olistico, la sommatoria funzionale delle parti è sempre maggiore/differente dalla somma delle prestazioni delle parti prese singolarmente. Un tipico esempio di struttura olistica è l’organismo biologico: un essere vivente, in quanto tale, va considerato sempre come un’unità-totalità non esprimibile con l’insieme delle parti che lo costituiscono (fonte Wikipedia)

 

Per chiunque voglia approfondire il tema, potete scrivere direttamente a ramitasatta@gmail.com

 

Segui la sua Pagina Facebook:

Ram: Riallineamento radicale di Ramita Satta

 

di Ramita Satta

 

photo di Ketty D’Amico

 

Rispondi