Cadde in strada

Caduto, si è buttato,

sulla strada l’uccellino

ha pigolato piano,

 

nel tuo piccolo palmo

che è più piccolo di lui

ha mosso poco il becco

 

e tu hai pianto

e hai singhiozzato

quando il passero ha tremato.

 

C’ho provato, sperato,

che non fosse investito

e abbiamo sussultato

quando l’auto l’ha sfiorato,

 

vidi nei tuoi occhi

la speranza di una bimba

ancora ignara

della vera guerra

 

e questo mi diede una spinta.

 

L’ho trovato, mi son lanciato,

ho fatto appena in tempo e te l’ho dato,

ora è qui che piange

come te

indietreggiando un po’ nel tempo,

 

ora so che cuore è il tuo

mentre egli torna uovo,

per lo spavento.

 

Ma lacrime che lacrime,

le tue che lacrime,

le ho viste,

erano tenere e impreviste,

cadevano a gocce sulle tue guance

come la pioggia sulle finestre.

 

 

 

di Giuseppe Liccardo

 

photo di Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Per non sentirsi sole

Le labbra delle donne sono come un campo da battaglia; alcune, rose luminose, sono promesse poi mai mantenute di conturbanti sentieri e abbandoni al peccato, mentre altre, arcigne, ti osservano,

Amore pioniere

Ricercatori eterni provenienti dal Cosmo, figli di un Universo impalpabile, in Vite e anime assetate d’immensità, esploratori erranti, pionieri di viaggi ancestrali, torneremo all’origine maturi e pulsanti d’amore.   Pagina

Andrea e la malinconia

Carissimo Andrea, sto rientrando adesso da L’Aquila, un viaggio non solo fisico. Ci sono stata per girare un corto sulla dimenticanza, o almeno questo voleva essere il senso del lavoro.