In cauda venenum

La poesia

è quella cosa che

ho la pancia gonfia,

non riesco a concentrarmi,

la testa mi ronza e la schiena

è tutta piegata

da pesi invisibili fra le ossa,

e allora ecco,

foglietto illustrativo

una penna nera dopo mangiato,

almeno dieci versi,

se il caso è grave

quindici –

tutti d’un fiato, però.

La poesia

è quella cosa che fai

quando non vai di corpo,

quando hai la febbre,

quando hai finito l’analgesico,

è la panacea

dei mali dell’anima.

La poesia è una vecchia droga

ancora in commercio,

spacciata

dai più per una pasticca

innocua e colorata,

da scartare o sfogliare

come un libro

(distrazione da quattro soldi),

ti sballi per bene, sai,

se conosci le dosi,

la poesia è letale però,

in quasi tutti i casi,

è una tachicardia infinita

un’allucinazione

uno stato mentale deviato –

oddio, mi è sembrato

di vedere la luce,

e invece mi sa che era solo

il mozzicone squagliato

di una buffa candela.

 

 

di Eva Luna Mascolino

 

Link a: Evaluna racconta (https://www.facebook.com/evalunamascolino/)

 

 

photo di Paolo Cappenani

Rispondi

Related Post

E NON MI INDURRE IN TENTAZIONE

Tu pensi di conoscermi ma non immagini la densità della dolcezza che ti lascerei in bocca Zucchero e aroma di arancia se tu mi assaggiassi   Mi lascio tentare? Potrei

Delta

Guardo scorrere il tempo come scorre l’acqua. Vapore, umido, mi tocca la pelle mi bagna, quanto basta a farmi sentire il soffiare del vento: dolce, lento. Prendo un respiro perdo

Pasteggiare

Non piango. Non rido. Sono ferma accanto al tempo, sospesa in un silenzio che avanza come deserto. Giro la testa dall’altra parte per non vedere la piaga, per evitare che