Discrepanze assuefatte

Il mio immaginare mi assuefà

in scontro sempre con il reale.

 

Si rompe il ghiaccio,

divide,

in acqua si accorpa:

più forte, ma fragile.

 

La freddezza delle circostanze indurisce

e sembra rimanere,

la cura dell’indifferenza diventa punteruolo,

incide, perfora e rompe.

 

La domanda è:

quale intenzione muove l’incisione?

La migliore forma sarebbe l’aria:

evaporare,

l’adattamento alle difficoltà,

nessuna crepa, nessun peso,

solo leggeri fumi d’assuefazione.

 

Si spera in un’aria carica di curiosità e di voglia di fare.

Un’assuefazione che non sia crepa,

un’assuefazione che sia vera.

 

di Maria D’Urzo

tratta da La corona del girasole, Chance Edizioni, maggio 2018

 

Rispondi

Related Post

Ciò che ispira i cigni

Come i nastri delle ballerine sono le luci costiere in mezzo al mare, di spirali i loro ondeggi al nero espresso dell’immenso danno gli ultimi segnali della civiltà, e qui

Mein Her(t)z

Vorresti aver tutto sotto controllo ogni cosa al suo posto, pedine e un gioco di ruolo, ogni cosa in ordine, ma sempre in movimento per non lasciar la polvere, un

…you’re still alive…

What’s the story behind the mask? The broken bones, your demilitarized zones and locked tomes inside empty homes the covered mirror, the shards of glass? What’s the story behind your