Discrepanze assuefatte

Il mio immaginare mi assuefà

in scontro sempre con il reale.

 

Si rompe il ghiaccio,

divide,

in acqua si accorpa:

più forte, ma fragile.

 

La freddezza delle circostanze indurisce

e sembra rimanere,

la cura dell’indifferenza diventa punteruolo,

incide, perfora e rompe.

 

La domanda è:

quale intenzione muove l’incisione?

La migliore forma sarebbe l’aria:

evaporare,

l’adattamento alle difficoltà,

nessuna crepa, nessun peso,

solo leggeri fumi d’assuefazione.

 

Si spera in un’aria carica di curiosità e di voglia di fare.

Un’assuefazione che non sia crepa,

un’assuefazione che sia vera.

 

di Maria D’Urzo

tratta da La corona del girasole, Chance Edizioni, maggio 2018

 

Rispondi

Related Post

Mein Her(t)z

Vorresti aver tutto sotto controllo ogni cosa al suo posto, pedine e un gioco di ruolo, ogni cosa in ordine, ma sempre in movimento per non lasciar la polvere, un

Risveglio

Danzano nel risveglio bagliori di sole a sorgere in lontananza tra gli arbusti, nel calice di un giorno che mi riempie di gioia e mi cammina il tempo in attimi

UNA NOTTE MAI ESISTITA

Una volta ti ho scritto una lettera. Avevo 13 anni la prima. Ormai più di 20 l’ultima. E ancora oggi mi viene istintivo mentirmi sull’età. Non volevo la leggessi, ti