E NON MI INDURRE IN TENTAZIONE

Tu pensi di conoscermi

ma non immagini

la densità della dolcezza

che ti lascerei in bocca

Zucchero e aroma di arancia

se tu mi assaggiassi

 

Mi lascio tentare?

Potrei chiudere gli occhi

sull’approdo dell’ago impietoso

a chiave le riflessioni allo specchio

e potrei gettar via la gonna bianca

e la tragedia della mia incredulità

 

Lasciati tentare

Puoi dire di sapere come sono

se ti limiti a guardarmi in superficie

nelle mie spigolature nette

e cime frastagliate ad intervallare

nodi di mandorle meridionali?

 

Puoi dirmi che mi ami

se non ti sporchi le mani

per toccarmi fino in fondo

se non mastichi le mie spalle

temendo che lo zucchero

ti resti incollato dentro

tra denti e gengive

che vada a riempire

quel vuoto che tieni nascosto

nelle pieghe dello stomaco

ai centoquaranta battiti al minuto?

di Rosanna Frattaruolo

 

photo di Paolo Cappennani

Rispondi

Related Post

Discrepanze assuefatte

Il mio immaginare mi assuefà in scontro sempre con il reale.   Si rompe il ghiaccio, divide, in acqua si accorpa: più forte, ma fragile.   La freddezza delle circostanze

LABBRA CARMINIO

Bevvi baci di rugiada dalle tue labbra carminio, assaporando il sapore del mostro. Contai milioni di nei sulla pelle, come a voler sfiorare leggero il tuo firmamento. Amandoci aprimmo varchi

Aurora pallida

Travalicare onde timide Salpare sull’ultima sponda Dirigere la nave Poi mischiare la propria schiuma Sulle rive ondose e frastagliate Fingere una calma piatta Trovare la pace dove c’è la guerra