Pasteggiare

Non piango.

Non rido.

Sono ferma accanto al tempo, sospesa in un silenzio che avanza come deserto.

Giro la testa dall’altra parte per non vedere la piaga, per evitare che la ferita si riapra.

Chiudo gli occhi.

Eppure mi muovo e cammino, ma non guardo veramente: ho precluso alla sofferenza di manifestarsi e così pure alla gioia ho messo un veto.

Un limbo del nulla.
Sono accanto al tempo, lì di fianco.

Spalla a spalla eppure distaccata dalle cose, città e persone, come quando li dividevo tra linee rette per non farle contaminare, pur essendo lo stesso gioco da giocare.

Tenute in spazi chiusi per non far scappare i pensieri, quelli più duri da digerire come un pasto troppo abbondante.

Troppo salato.

Troppo condito.

Al quale non sono riuscita a rinunciare.

 

di Rita Onorati

 

photo di Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Di quale colore era l’inverno?

Dovremmo dove finisce il mare urtare l’occasione che s’abissa  tra le onde dall’alto dei seni chetare l’irrequietezza. La certezza disporla in granelle di maiolica dove resiste il colore dei tuoi

Rendez-vous

Ti ricordi anche tu di quando si usciva di casa, si andava al campetto insieme alle quattro, con la merenda in tasca, i capelli sciolti, i calzoni corti. Ti ricordi

Delta

Guardo scorrere il tempo come scorre l’acqua. Vapore, umido, mi tocca la pelle mi bagna, quanto basta a farmi sentire il soffiare del vento: dolce, lento. Prendo un respiro perdo