Pasteggiare

Non piango.

Non rido.

Sono ferma accanto al tempo, sospesa in un silenzio che avanza come deserto.

Giro la testa dall’altra parte per non vedere la piaga, per evitare che la ferita si riapra.

Chiudo gli occhi.

Eppure mi muovo e cammino, ma non guardo veramente: ho precluso alla sofferenza di manifestarsi e così pure alla gioia ho messo un veto.

Un limbo del nulla.
Sono accanto al tempo, lì di fianco.

Spalla a spalla eppure distaccata dalle cose, città e persone, come quando li dividevo tra linee rette per non farle contaminare, pur essendo lo stesso gioco da giocare.

Tenute in spazi chiusi per non far scappare i pensieri, quelli più duri da digerire come un pasto troppo abbondante.

Troppo salato.

Troppo condito.

Al quale non sono riuscita a rinunciare.

 

di Rita Onorati

 

photo di Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Le ali

“Vai! Prendilo”. L’urlo di incitamento del padrone aizzò il cane, un meticcio scuro e violento. L’animale si lanciò verso la preda, un vecchio gatto dal pelo ormai opaco e, in

Editoriale settembre

Non c’è da fare critiche alla società, non in questo caso almeno. Ci sarebbe invece da guardarsi dentro, e chiedersi quali siano le motivazioni che ci spingono, qualsiasi sia l’azione

E NON MI INDURRE IN TENTAZIONE

Tu pensi di conoscermi ma non immagini la densità della dolcezza che ti lascerei in bocca Zucchero e aroma di arancia se tu mi assaggiassi   Mi lascio tentare? Potrei