Pasteggiare

Non piango.

Non rido.

Sono ferma accanto al tempo, sospesa in un silenzio che avanza come deserto.

Giro la testa dall’altra parte per non vedere la piaga, per evitare che la ferita si riapra.

Chiudo gli occhi.

Eppure mi muovo e cammino, ma non guardo veramente: ho precluso alla sofferenza di manifestarsi e così pure alla gioia ho messo un veto.

Un limbo del nulla.
Sono accanto al tempo, lì di fianco.

Spalla a spalla eppure distaccata dalle cose, città e persone, come quando li dividevo tra linee rette per non farle contaminare, pur essendo lo stesso gioco da giocare.

Tenute in spazi chiusi per non far scappare i pensieri, quelli più duri da digerire come un pasto troppo abbondante.

Troppo salato.

Troppo condito.

Al quale non sono riuscita a rinunciare.

 

di Rita Onorati

 

photo di Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Vi ricordate com’era

Vi ricordate com’era quando eravate felici? Quando scendevate nei cortili e, sotto ai cieli unti di umida estate, correvate dietro alle ombre dei palloni? Eravate felici senza aspettative nel domani,

Sui sentieri di Kairos

Hai orecchie di cera per non sentire il brusìo dei lepidotteri che mi solleticano in pancia quando pronunci il mio nome   E hai occhi di sale se non scorgi

cats and blankets

cats and blankets you still have crumbles and kisses on your chin phantom pain over past betrayals and lost limbs scars from crashing against other people and cars and you’re