Riflettente

Irrimediabilmente parte
senza l’arte
che ci contraddistingue.
Inevitabilmente pianeti
su un’orbita

meteoriti pronti alla collisione.

Che tramonti il sole!

È mia la notte
e l’attendo
con trepidante attesa come quando,

con gli occhi di una bambina e il cuore di una rosa,
guardavo il cielo notturno
esprimendo un desiderio.
Ad occhi chiusi
sperando in una cometa
rifiutando la certezza
di vederla passare o meno.

Tramontate stelle!

Mia è l’alba
e io la rappresento
in ogni sua sfumatura
come quando, piano, mi stendo sull’acqua
e illumino il mare
lasciando che il mondo sogni
specchiandosi in me.

 

di Claudia Grillea

 

 

photo di Veronica Carozzi

Rispondi

Related Post

La separazione coniugale – (prima parte) – esperienza vissuta

Il mio viaggio alla scoperta di me è iniziato parecchi anni fa, attraverso un evento che ha segnato un doloroso spartiacque nella mia vita: la separazione coniugale. Attraverso la mia

C’era una volta la prima volta

  La prima volta che si è chiuso lo stomaco e la fame non esisteva, c’era solo il bisogno di vedersi. La prima notte insonne a guardare le stelle fuori

Aurora pallida

Travalicare onde timide Salpare sull’ultima sponda Dirigere la nave Poi mischiare la propria schiuma Sulle rive ondose e frastagliate Fingere una calma piatta Trovare la pace dove c’è la guerra