Ciò che ispira i cigni

Come i nastri delle ballerine

sono le luci costiere

in mezzo al mare,

di spirali i loro ondeggi al

nero espresso dell’immenso

danno gli ultimi segnali

della civiltà, e qui penso:

 

lì c’è una strada, c’è attività,

ci sono donne che tengono per mano

i bambini, nelle ultime ore

della loro veglia,

lì c’è il vento che attraversa le strade

e le lampare, l’odore che ci impregna

del mare, così ospitale,

qui l’albero tiene spazio a

chi vuole immamorarsi dell’orizzonte

e come un collo di giraffa

può sollevare in noi le nostre gioie

per scoperte nuove,

assorgiamoci.

 

Tutta la notte l’arancio del porto

vibra dentro i laghi, e il silenzio regna

tra uno scroscio e un gorgoglio

nel mentre naviga le eterne acque

del proprio io, qui sentenzia

l’importanza tattile

dell’esistenza.

E si medita, ci si pongono domande,

ci si chiede da dove vengano

i tuoi disegni, da dove i sentimenti

che immetti nei fogli, fino a

ciò che ispira i cigni,

ci si nutre di sguardi e consapevolezze,

che planano come libellule

colorate, e irradiano

la nebbia opaca

delle mete.

 

di Giuseppe Liccardo

 

photo di Maria Geraldes

Rispondi

Related Post

Di quale colore era l’inverno?

Dovremmo dove finisce il mare urtare l’occasione che s’abissa  tra le onde dall’alto dei seni chetare l’irrequietezza. La certezza disporla in granelle di maiolica dove resiste il colore dei tuoi

Discrepanze assuefatte

Il mio immaginare mi assuefà in scontro sempre con il reale.   Si rompe il ghiaccio, divide, in acqua si accorpa: più forte, ma fragile.   La freddezza delle circostanze

Dietro la tua siepe

«Chiaro» dicevo e già non ti guardavo. Aspettavo fossi tu a rientrare da bordo campo. Speravo rifugiassi lo sguardo nello spazio bianco tra i miei seni distanti, tra i miei