Di quale colore era l’inverno?

Dovremmo

dove finisce il mare

urtare l’occasione che s’abissa  tra le onde

dall’alto dei seni

chetare l’irrequietezza.

La certezza disporla in granelle di maiolica

dove resiste il colore dei tuoi occhi

dipingere i gesti sotto la pioggia che cade, mentre intorno dorme il mondo

e coprirci col rumore

di un’estate passata

da sfogliare piano.

Forse un presagio

prenderti per mano

che qui niente ha il permesso di intrecciare le mie dita alle tue

chiudere in una preghiera

la mattina presto quando dici che mi spoglia poesia.

Di quale colore era l’inverno?

Il garbo delle foglie

nella stagione ormai andata

quella passata

dei baci fatti di cielo inamidato

e la paura

di chiamarlo amore.

 

Pagina Facebook Il piacere di pensare

 

di Annamaria Scopa

 

photo di Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

X-XX-XXXX

Gennaio si svolgeva lungo lo sbadiglio di un gatto nero, e un ‘miao’ luminoso come lava si stagliava contro il muro della cucina. Tutto era arancio e rosa, ed ovunque

Discrepanze assuefatte

Il mio immaginare mi assuefà in scontro sempre con il reale.   Si rompe il ghiaccio, divide, in acqua si accorpa: più forte, ma fragile.   La freddezza delle circostanze

Sui sentieri di Kairos

Hai orecchie di cera per non sentire il brusìo dei lepidotteri che mi solleticano in pancia quando pronunci il mio nome   E hai occhi di sale se non scorgi