Di quale colore era l’inverno?

Dovremmo

dove finisce il mare

urtare l’occasione che s’abissa  tra le onde

dall’alto dei seni

chetare l’irrequietezza.

La certezza disporla in granelle di maiolica

dove resiste il colore dei tuoi occhi

dipingere i gesti sotto la pioggia che cade, mentre intorno dorme il mondo

e coprirci col rumore

di un’estate passata

da sfogliare piano.

Forse un presagio

prenderti per mano

che qui niente ha il permesso di intrecciare le mie dita alle tue

chiudere in una preghiera

la mattina presto quando dici che mi spoglia poesia.

Di quale colore era l’inverno?

Il garbo delle foglie

nella stagione ormai andata

quella passata

dei baci fatti di cielo inamidato

e la paura

di chiamarlo amore.

 

Pagina Facebook Il piacere di pensare

 

di Annamaria Scopa

 

photo di Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Quelle dita tra i capelli – parte quinta –

    Dormivi, al mio fianco. In quella stanza d’albergo in cui ci rifugiammo per la pioggia battente. Sembrava fossimo in fuga da un mostro famelico in grado di ucciderci

Ciò che ispira i cigni

Come i nastri delle ballerine sono le luci costiere in mezzo al mare, di spirali i loro ondeggi al nero espresso dell’immenso danno gli ultimi segnali della civiltà, e qui

Le ali

“Vai! Prendilo”. L’urlo di incitamento del padrone aizzò il cane, un meticcio scuro e violento. L’animale si lanciò verso la preda, un vecchio gatto dal pelo ormai opaco e, in