Dietro la tua siepe

«Chiaro»

dicevo

e già non ti guardavo.

Aspettavo fossi tu

a rientrare da bordo campo.

Speravo rifugiassi lo sguardo

nello spazio bianco tra i miei seni distanti,

tra i miei seni affissi allo sterno

– il tuo spazio protetto

tutto diverso da quello che non c’era

e che ora ci separa. –

«Spara»

mi dici

e io premo labbro su labbro

eppure non mi trattengo:

«non siamo altro che un caso

e io di crederci smetto».

«Chiaro»

dici.

Rimani, ma da lontano.

Io non ritratto

ma lo soffro tutto

l’esilio che mi infliggo

e fuori dal tuo conforto

soffro sino al pianto.

Tu lo sai quando è falso

il mio sparo

e quanto.

Sai quando ho bluffato.

Piango

perché spero tu veda ch’io sono

– è vero –

un cattivo diavolo senza quiete

ma potrei essere invece

il chicco di senape

di cui dice il prete

e crescere fedele

dietro la tua siepe.

 

Pagina Facebook Andrée

di Eugenia Nardone

photo di Veronica Carozzi

Rispondi

Related Post

LABBRA CARMINIO

Bevvi baci di rugiada dalle tue labbra carminio, assaporando il sapore del mostro. Contai milioni di nei sulla pelle, come a voler sfiorare leggero il tuo firmamento. Amandoci aprimmo varchi

Vi ricordate com’era

Vi ricordate com’era quando eravate felici? Quando scendevate nei cortili e, sotto ai cieli unti di umida estate, correvate dietro alle ombre dei palloni? Eravate felici senza aspettative nel domani,

Delta

Guardo scorrere il tempo come scorre l’acqua. Vapore, umido, mi tocca la pelle mi bagna, quanto basta a farmi sentire il soffiare del vento: dolce, lento. Prendo un respiro perdo