Dietro la tua siepe

«Chiaro»

dicevo

e già non ti guardavo.

Aspettavo fossi tu

a rientrare da bordo campo.

Speravo rifugiassi lo sguardo

nello spazio bianco tra i miei seni distanti,

tra i miei seni affissi allo sterno

– il tuo spazio protetto

tutto diverso da quello che non c’era

e che ora ci separa. –

«Spara»

mi dici

e io premo labbro su labbro

eppure non mi trattengo:

«non siamo altro che un caso

e io di crederci smetto».

«Chiaro»

dici.

Rimani, ma da lontano.

Io non ritratto

ma lo soffro tutto

l’esilio che mi infliggo

e fuori dal tuo conforto

soffro sino al pianto.

Tu lo sai quando è falso

il mio sparo

e quanto.

Sai quando ho bluffato.

Piango

perché spero tu veda ch’io sono

– è vero –

un cattivo diavolo senza quiete

ma potrei essere invece

il chicco di senape

di cui dice il prete

e crescere fedele

dietro la tua siepe.

 

Pagina Facebook Andrée

di Eugenia Nardone

photo di Veronica Carozzi

Rispondi

Related Post

Quelle dita tra i capelli – parte quinta –

    Dormivi, al mio fianco. In quella stanza d’albergo in cui ci rifugiammo per la pioggia battente. Sembrava fossimo in fuga da un mostro famelico in grado di ucciderci

Sui sentieri di Kairos

Hai orecchie di cera per non sentire il brusìo dei lepidotteri che mi solleticano in pancia quando pronunci il mio nome   E hai occhi di sale se non scorgi

Ciò che ispira i cigni

Come i nastri delle ballerine sono le luci costiere in mezzo al mare, di spirali i loro ondeggi al nero espresso dell’immenso danno gli ultimi segnali della civiltà, e qui