Dietro la tua siepe

«Chiaro»

dicevo

e già non ti guardavo.

Aspettavo fossi tu

a rientrare da bordo campo.

Speravo rifugiassi lo sguardo

nello spazio bianco tra i miei seni distanti,

tra i miei seni affissi allo sterno

– il tuo spazio protetto

tutto diverso da quello che non c’era

e che ora ci separa. –

«Spara»

mi dici

e io premo labbro su labbro

eppure non mi trattengo:

«non siamo altro che un caso

e io di crederci smetto».

«Chiaro»

dici.

Rimani, ma da lontano.

Io non ritratto

ma lo soffro tutto

l’esilio che mi infliggo

e fuori dal tuo conforto

soffro sino al pianto.

Tu lo sai quando è falso

il mio sparo

e quanto.

Sai quando ho bluffato.

Piango

perché spero tu veda ch’io sono

– è vero –

un cattivo diavolo senza quiete

ma potrei essere invece

il chicco di senape

di cui dice il prete

e crescere fedele

dietro la tua siepe.

 

Pagina Facebook Andrée

di Eugenia Nardone

photo di Veronica Carozzi

Rispondi

Related Post

La separazione coniugale – (prima parte) – esperienza vissuta

Il mio viaggio alla scoperta di me è iniziato parecchi anni fa, attraverso un evento che ha segnato un doloroso spartiacque nella mia vita: la separazione coniugale. Attraverso la mia

Aurora pallida

Travalicare onde timide Salpare sull’ultima sponda Dirigere la nave Poi mischiare la propria schiuma Sulle rive ondose e frastagliate Fingere una calma piatta Trovare la pace dove c’è la guerra

Pasteggiare

Non piango. Non rido. Sono ferma accanto al tempo, sospesa in un silenzio che avanza come deserto. Giro la testa dall’altra parte per non vedere la piaga, per evitare che