Dietro la tua siepe

«Chiaro»

dicevo

e già non ti guardavo.

Aspettavo fossi tu

a rientrare da bordo campo.

Speravo rifugiassi lo sguardo

nello spazio bianco tra i miei seni distanti,

tra i miei seni affissi allo sterno

– il tuo spazio protetto

tutto diverso da quello che non c’era

e che ora ci separa. –

«Spara»

mi dici

e io premo labbro su labbro

eppure non mi trattengo:

«non siamo altro che un caso

e io di crederci smetto».

«Chiaro»

dici.

Rimani, ma da lontano.

Io non ritratto

ma lo soffro tutto

l’esilio che mi infliggo

e fuori dal tuo conforto

soffro sino al pianto.

Tu lo sai quando è falso

il mio sparo

e quanto.

Sai quando ho bluffato.

Piango

perché spero tu veda ch’io sono

– è vero –

un cattivo diavolo senza quiete

ma potrei essere invece

il chicco di senape

di cui dice il prete

e crescere fedele

dietro la tua siepe.

 

Pagina Facebook Andrée

di Eugenia Nardone

photo di Veronica Carozzi

Rispondi

Related Post

Di quale colore era l’inverno?

Dovremmo dove finisce il mare urtare l’occasione che s’abissa  tra le onde dall’alto dei seni chetare l’irrequietezza. La certezza disporla in granelle di maiolica dove resiste il colore dei tuoi

…you’re still alive…

What’s the story behind the mask? The broken bones, your demilitarized zones and locked tomes inside empty homes the covered mirror, the shards of glass? What’s the story behind your

E NON MI INDURRE IN TENTAZIONE

Tu pensi di conoscermi ma non immagini la densità della dolcezza che ti lascerei in bocca Zucchero e aroma di arancia se tu mi assaggiassi   Mi lascio tentare? Potrei