chanceedizioni@gmail.com

Mese: novembre 2018

Rendez-vous

Ti ricordi anche tu di quando si usciva di casa, si andava al campetto insieme alle quattro, con la merenda in tasca, i capelli sciolti, i calzoni corti. Ti ricordi che contavamo fino a venti per scomparire – forse avevamo già intuito che cercarsi è il gioco più bello – e che poi alla sera,…
Leggi tutto

Marry me

Mi sono sposata. Un fatto forse senza particolari caratteristiche di eccezionalità, qualcosa che avviene milioni di volte in altrettanti luoghi al mondo. Eppure, per me mantiene l’accezione di un miracolo. Lo so, pare sdolcinato e forse lo è. Ma si sente, sapete? Si sente quel qualcosa di sacro che sta dietro alla semplice frase: “Lui…
Leggi tutto

Sui sentieri di Kairos

Hai orecchie di cera per non sentire il brusìo dei lepidotteri che mi solleticano in pancia quando pronunci il mio nome   E hai occhi di sale se non scorgi le mie gambe nervose quando ti avvicini al frusciare della mia gonna   Rovescerò sul tavolo                     tutti i miei versi   Cercami là tra…
Leggi tutto

Delta

Guardo scorrere il tempo come scorre l’acqua. Vapore, umido, mi tocca la pelle mi bagna, quanto basta a farmi sentire il soffiare del vento: dolce, lento. Prendo un respiro perdo il respiro. Affondo nel tepore galleggiando nel calore. Infilo le dita fra le bollicine lasciandole sfuggire tutte. Non c’è niente che io voglia trattenere, niente…
Leggi tutto

Il nemico

Riflessa in uno specchio vedo il mio peggior nemico fissarmi con intensità. Gli occhi, di un colore che non saprei descrivere, non solo non mollano la presa ma, anzi, si dimostrano fermi nell’intenzione di non abbassare la guardia per primi. Li conosco da sempre, dal primo giorno in cui apparvero dopo IL GRANDE FATTO, eppure…
Leggi tutto

Il concetto di perfezione – seconda parte –

Si diceva che niente è perfetto. Basta guardarsi intorno per capire che la perfezione non esiste. I libri fuori posto sono un’imperfezione, la bottiglia d’acqua mezza piena è un’imperfezione, perfino un’unghia tutta mangiucchiata è imperfezione. Eppure, io, in quella imperfezione, ho sempre tentato di trovare la perfezione. Già, questa parola così astratta ha racchiuso cinque…
Leggi tutto

Aurora pallida

Travalicare onde timide Salpare sull’ultima sponda Dirigere la nave Poi mischiare la propria schiuma Sulle rive ondose e frastagliate Fingere una calma piatta Trovare la pace dove c’è la guerra Tingere i propri occhi col mare Inumidire le labbra Dire addio È l’aurora   testo e foto di Lucia Soscia   L’aurora pallida del ritorno…
Leggi tutto

Non accordiamoci

Prendiamo uno strumento a caso e facciamo. Facciamo che si suona all’unisono, in concerto con, solfeggiando e prendendo fiato tra le righe. Facciamo che gli spartiti dirigono, e che noi ubbidiamo. Facciamo un gioco che dura finché lo sappiamo, e poi ce ne dimentichiamo. Come al risveglio, quando non sono al mare, coi miei sogni.…
Leggi tutto

105 giorni

Ho chiesto spiegazioni anche quando ai fatti una spiegazione non c’era. L’ho chiesto perché speravo di sentirmi dire che non era vero che non andavo bene. Che non era vero che ero troppo. Che tenermi non era impegnativo. Non capivo e tutt’ora non comprendo come sia possibile tornare a dormire sonni tranquilli quando un bacio…
Leggi tutto

I regali

“È caduta nel fiume”. La voce della bambina era incrinata dal pianto.  Seguì di corsa la bambola: le era sfuggita di mano, mentre giocava con lei lungo il fiume. Ma quella, trascinata dalla corrente, cominciava a intridersi d’acqua. La bambina inseguiva sgomenta il corpo di pezza, quei capelli rossi di lana. “È colpa mia se…
Leggi tutto