Editoriale Ottobre 2018

Cos’è l’Arte?

La radice ar- in sanscrito significa andare verso, e in senso più ampio definisce la capacità di adattare, fare, produrre.

Prendiamo ora il significato che si trova sui vari dizionari della lingua italiana.

 

  • Qualsiasi forma di attività dell’uomo come riprova o esaltazione del suo talento inventivo e della sua capacità espressiva. 
  • Qualsiasi complesso di tecniche e metodi concernenti una realizzazione autonoma o un’applicazione pratica nel campo dell’operare e part. di una professione o di un mestiere.

 

In senso moderno l’Arte perde totalmente l’aspetto dell’andare verso, il focus dalla capacità passa sul talento e sull’esaltazione.

Capacità e talento sono due cose differenti: mentre una è alla portata di tutti, l’altro è a discapito di pochi.

L’artista è colui che va incontro a qualcosa oppure è colui che si limita a tecniche e metodologie?

Siamo di fronte ad un artista quando ci troviamo dentro ad un museo che dedica le sue sale a genialità irripetibili oppure ogni volta che guardiamo una manifestazione di espressività?

Non ho la risposta esatta. So però che abbiamo perso il senso di questa parola.

Mi affascina l’etimologia delle parole, le evoluzioni di senso e le contestualizzazioni concettuali. Ma non posso accontentarmi.

Credo che si debba, più che ritrovare significati perduti, riuscire a definire quelli nuovi con un linguaggio anch’esso nuovo, condiviso e coraggioso.

Ecco ciò verso cui voglio andare incontro.

 

La Redazione

 

photo di Andrea Stella

Rispondi

Related Post

Editoriale – numero 23

Questo tempo manca di poesia. Esiste un numero incalcolabile di poeti, ma la poesia non è sufficiente al fabbisogno mondiale. Dobbiamo guardarci indietro e capire dove sia stata persa. Dobbiamo

Editoriale numero 19

Le stagioni umane Quattro stagioni fanno intero l’anno, quattro stagioni ha l’animo dell’uomo. Egli ha la sua robusta Primavera quando coglie l’ingenua fantasia ad aprire di mano ogni bellezza; ha

Delta

Guardo scorrere il tempo come scorre l’acqua. Vapore, umido, mi tocca la pelle mi bagna, quanto basta a farmi sentire il soffiare del vento: dolce, lento. Prendo un respiro perdo