Delta

Guardo scorrere il tempo

come scorre l’acqua.
Vapore, umido, mi tocca la pelle
mi bagna,
quanto basta a farmi sentire il soffiare del vento:
dolce, lento.

Prendo un respiro
perdo il respiro.

Affondo nel tepore
galleggiando nel calore.
Infilo le dita fra le bollicine
lasciandole sfuggire tutte.

Non c’è niente che io voglia trattenere,
niente che io possa trattenere.

Così tutto fluisce attraverso me
come l’acqua, il fiume, il mare,
il male.

Come se ne fossi la foce
come se ne fossi la voce.

Mi scorre dentro e vorrei tanto dirlo,

ma lo filtro:
lasciatemi stare
lasciatemi andare.

 

 

di Claudia Grillea

 

photo di Veronique Carozzi

Rispondi

Related Post

Di quale colore era l’inverno?

Dovremmo dove finisce il mare urtare l’occasione che s’abissa  tra le onde dall’alto dei seni chetare l’irrequietezza. La certezza disporla in granelle di maiolica dove resiste il colore dei tuoi

Il nemico

Riflessa in uno specchio vedo il mio peggior nemico fissarmi con intensità. Gli occhi, di un colore che non saprei descrivere, non solo non mollano la presa ma, anzi, si

Il concetto di perfezione – seconda parte –

Si diceva che niente è perfetto. Basta guardarsi intorno per capire che la perfezione non esiste. I libri fuori posto sono un’imperfezione, la bottiglia d’acqua mezza piena è un’imperfezione, perfino