Delta

Guardo scorrere il tempo

come scorre l’acqua.
Vapore, umido, mi tocca la pelle
mi bagna,
quanto basta a farmi sentire il soffiare del vento:
dolce, lento.

Prendo un respiro
perdo il respiro.

Affondo nel tepore
galleggiando nel calore.
Infilo le dita fra le bollicine
lasciandole sfuggire tutte.

Non c’è niente che io voglia trattenere,
niente che io possa trattenere.

Così tutto fluisce attraverso me
come l’acqua, il fiume, il mare,
il male.

Come se ne fossi la foce
come se ne fossi la voce.

Mi scorre dentro e vorrei tanto dirlo,

ma lo filtro:
lasciatemi stare
lasciatemi andare.

 

 

di Claudia Grillea

 

photo di Veronique Carozzi

Rispondi

Related Post

Ciò che ispira i cigni

Come i nastri delle ballerine sono le luci costiere in mezzo al mare, di spirali i loro ondeggi al nero espresso dell’immenso danno gli ultimi segnali della civiltà, e qui

Riflettente

Irrimediabilmente parte senza l’arte che ci contraddistingue. Inevitabilmente pianeti su un’orbita meteoriti pronti alla collisione. Che tramonti il sole! È mia la notte e l’attendo con trepidante attesa come quando,

Dietro la tua siepe

«Chiaro» dicevo e già non ti guardavo. Aspettavo fossi tu a rientrare da bordo campo. Speravo rifugiassi lo sguardo nello spazio bianco tra i miei seni distanti, tra i miei