Sui sentieri di Kairos

Hai orecchie di cera

per non sentire

il brusìo dei lepidotteri

che mi solleticano in pancia

quando pronunci il mio nome

 

E hai occhi di sale

se non scorgi

le mie gambe nervose

quando ti avvicini

al frusciare della mia gonna

 

Rovescerò sul tavolo                    

tutti i miei versi

 

Cercami là

tra le parole confuse

briciole di pane dimenticate

tra formiche in processione   

su strade che profumano

di zagara e menzogna                    

                                                              

E se ancora non mi sentirai

vorrà dire che io e te

sui sentieri di Kairos

non ci siamo mai incontrati

 

 

di Rosanna Frattaruolo

 

photo di Paolo Cappennani

Rispondi

Related Post

Rendez-vous

Ti ricordi anche tu di quando si usciva di casa, si andava al campetto insieme alle quattro, con la merenda in tasca, i capelli sciolti, i calzoni corti. Ti ricordi

I regali

“È caduta nel fiume”. La voce della bambina era incrinata dal pianto.  Seguì di corsa la bambola: le era sfuggita di mano, mentre giocava con lei lungo il fiume. Ma

Editoriale Ottobre 2018

Cos’è l’Arte? La radice ar- in sanscrito significa andare verso, e in senso più ampio definisce la capacità di adattare, fare, produrre. Prendiamo ora il significato che si trova sui