Sui sentieri di Kairos

Hai orecchie di cera

per non sentire

il brusìo dei lepidotteri

che mi solleticano in pancia

quando pronunci il mio nome

 

E hai occhi di sale

se non scorgi

le mie gambe nervose

quando ti avvicini

al frusciare della mia gonna

 

Rovescerò sul tavolo                    

tutti i miei versi

 

Cercami là

tra le parole confuse

briciole di pane dimenticate

tra formiche in processione   

su strade che profumano

di zagara e menzogna                    

                                                              

E se ancora non mi sentirai

vorrà dire che io e te

sui sentieri di Kairos

non ci siamo mai incontrati

 

 

di Rosanna Frattaruolo

 

photo di Paolo Cappennani

Rispondi

Related Post

E NON MI INDURRE IN TENTAZIONE

Tu pensi di conoscermi ma non immagini la densità della dolcezza che ti lascerei in bocca Zucchero e aroma di arancia se tu mi assaggiassi   Mi lascio tentare? Potrei

Marry me

Mi sono sposata. Un fatto forse senza particolari caratteristiche di eccezionalità, qualcosa che avviene milioni di volte in altrettanti luoghi al mondo. Eppure, per me mantiene l’accezione di un miracolo.

UNA NOTTE MAI ESISTITA

Una volta ti ho scritto una lettera. Avevo 13 anni la prima. Ormai più di 20 l’ultima. E ancora oggi mi viene istintivo mentirmi sull’età. Non volevo la leggessi, ti