Sui sentieri di Kairos

Hai orecchie di cera

per non sentire

il brusìo dei lepidotteri

che mi solleticano in pancia

quando pronunci il mio nome

 

E hai occhi di sale

se non scorgi

le mie gambe nervose

quando ti avvicini

al frusciare della mia gonna

 

Rovescerò sul tavolo                    

tutti i miei versi

 

Cercami là

tra le parole confuse

briciole di pane dimenticate

tra formiche in processione   

su strade che profumano

di zagara e menzogna                    

                                                              

E se ancora non mi sentirai

vorrà dire che io e te

sui sentieri di Kairos

non ci siamo mai incontrati

 

 

di Rosanna Frattaruolo

 

photo di Paolo Cappennani

Rispondi

Related Post

…you’re still alive…

What’s the story behind the mask? The broken bones, your demilitarized zones and locked tomes inside empty homes the covered mirror, the shards of glass? What’s the story behind your

Aurora pallida

Travalicare onde timide Salpare sull’ultima sponda Dirigere la nave Poi mischiare la propria schiuma Sulle rive ondose e frastagliate Fingere una calma piatta Trovare la pace dove c’è la guerra

Discrepanze assuefatte

Il mio immaginare mi assuefà in scontro sempre con il reale.   Si rompe il ghiaccio, divide, in acqua si accorpa: più forte, ma fragile.   La freddezza delle circostanze