Sui sentieri di Kairos

Hai orecchie di cera

per non sentire

il brusìo dei lepidotteri

che mi solleticano in pancia

quando pronunci il mio nome

 

E hai occhi di sale

se non scorgi

le mie gambe nervose

quando ti avvicini

al frusciare della mia gonna

 

Rovescerò sul tavolo                    

tutti i miei versi

 

Cercami là

tra le parole confuse

briciole di pane dimenticate

tra formiche in processione   

su strade che profumano

di zagara e menzogna                    

                                                              

E se ancora non mi sentirai

vorrà dire che io e te

sui sentieri di Kairos

non ci siamo mai incontrati

 

 

di Rosanna Frattaruolo

 

photo di Paolo Cappennani

Rispondi

Related Post

Rendez-vous

Ti ricordi anche tu di quando si usciva di casa, si andava al campetto insieme alle quattro, con la merenda in tasca, i capelli sciolti, i calzoni corti. Ti ricordi

Il nemico

Riflessa in uno specchio vedo il mio peggior nemico fissarmi con intensità. Gli occhi, di un colore che non saprei descrivere, non solo non mollano la presa ma, anzi, si

LIRICA URBANA

C’era odore d’incenso lungo la tua schiena e così al semaforo ho lavato via con l’allegria dell’ultimo giorno d’estate la sconfinata tristezza di crescere sola, dopo aver fatto al parco