Rendez-vous

Ti ricordi anche tu di quando

si usciva di casa, si andava

al campetto insieme alle quattro,

con la merenda in tasca,

i capelli sciolti, i calzoni corti.

Ti ricordi che contavamo

fino a venti per scomparire –

forse avevamo già intuito

che cercarsi è il gioco più bello –

e che poi alla sera,

senza sonno e senza fiato,

sudavamo risate dappertutto,

leccavamo un gelato

e ci domandavamo piano

“chissà se anche ai grandi

diverte l’acchiapparella”?

Domani devo andare al lavoro,

smonto alle tre. E così

ci ho pensato su e ho deciso:

alle quattro campetto.

Se anche a te diverte ancora

l’acchiapparella, raggiungimi.

I bambini lo capiranno

che non siamo ancora cresciuti,

che non siamo ancora perduti,

e ci offriranno da bere

un succo di frutta alla pera.

 

 

di Eva Luna Mascolino

 

photo di Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

E NON MI INDURRE IN TENTAZIONE

Tu pensi di conoscermi ma non immagini la densità della dolcezza che ti lascerei in bocca Zucchero e aroma di arancia se tu mi assaggiassi   Mi lascio tentare? Potrei

Ciò che ispira i cigni

Come i nastri delle ballerine sono le luci costiere in mezzo al mare, di spirali i loro ondeggi al nero espresso dell’immenso danno gli ultimi segnali della civiltà, e qui

…you’re still alive…

What’s the story behind the mask? The broken bones, your demilitarized zones and locked tomes inside empty homes the covered mirror, the shards of glass? What’s the story behind your