Rendez-vous

Ti ricordi anche tu di quando

si usciva di casa, si andava

al campetto insieme alle quattro,

con la merenda in tasca,

i capelli sciolti, i calzoni corti.

Ti ricordi che contavamo

fino a venti per scomparire –

forse avevamo già intuito

che cercarsi è il gioco più bello –

e che poi alla sera,

senza sonno e senza fiato,

sudavamo risate dappertutto,

leccavamo un gelato

e ci domandavamo piano

“chissà se anche ai grandi

diverte l’acchiapparella”?

Domani devo andare al lavoro,

smonto alle tre. E così

ci ho pensato su e ho deciso:

alle quattro campetto.

Se anche a te diverte ancora

l’acchiapparella, raggiungimi.

I bambini lo capiranno

che non siamo ancora cresciuti,

che non siamo ancora perduti,

e ci offriranno da bere

un succo di frutta alla pera.

 

 

di Eva Luna Mascolino

 

photo di Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

X-XX-XXXX

Gennaio si svolgeva lungo lo sbadiglio di un gatto nero, e un ‘miao’ luminoso come lava si stagliava contro il muro della cucina. Tutto era arancio e rosa, ed ovunque

Aurora pallida

Travalicare onde timide Salpare sull’ultima sponda Dirigere la nave Poi mischiare la propria schiuma Sulle rive ondose e frastagliate Fingere una calma piatta Trovare la pace dove c’è la guerra

Scrivere a tempo

Che cazzo devo scrivere? Ho pensato di tornare un po’ nel passato, a valutare. A vedere se è possibile dare luce a qualcosa di vecchio e di dimenticato. Squattrinato di