Rendez-vous

Ti ricordi anche tu di quando

si usciva di casa, si andava

al campetto insieme alle quattro,

con la merenda in tasca,

i capelli sciolti, i calzoni corti.

Ti ricordi che contavamo

fino a venti per scomparire –

forse avevamo già intuito

che cercarsi è il gioco più bello –

e che poi alla sera,

senza sonno e senza fiato,

sudavamo risate dappertutto,

leccavamo un gelato

e ci domandavamo piano

“chissà se anche ai grandi

diverte l’acchiapparella”?

Domani devo andare al lavoro,

smonto alle tre. E così

ci ho pensato su e ho deciso:

alle quattro campetto.

Se anche a te diverte ancora

l’acchiapparella, raggiungimi.

I bambini lo capiranno

che non siamo ancora cresciuti,

che non siamo ancora perduti,

e ci offriranno da bere

un succo di frutta alla pera.

 

 

di Eva Luna Mascolino

 

photo di Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Sui sentieri di Kairos

Hai orecchie di cera per non sentire il brusìo dei lepidotteri che mi solleticano in pancia quando pronunci il mio nome   E hai occhi di sale se non scorgi

Discrepanze assuefatte

Il mio immaginare mi assuefà in scontro sempre con il reale.   Si rompe il ghiaccio, divide, in acqua si accorpa: più forte, ma fragile.   La freddezza delle circostanze

Delta

Guardo scorrere il tempo come scorre l’acqua. Vapore, umido, mi tocca la pelle mi bagna, quanto basta a farmi sentire il soffiare del vento: dolce, lento. Prendo un respiro perdo