chanceedizioni@gmail.com

Categoria: numero 25

Ciò che ispira i cigni

Come i nastri delle ballerine sono le luci costiere in mezzo al mare, di spirali i loro ondeggi al nero espresso dell’immenso danno gli ultimi segnali della civiltà, e qui penso:   lì c’è una strada, c’è attività, ci sono donne che tengono per mano i bambini, nelle ultime ore della loro veglia, lì c’è…
Leggi tutto

La separazione coniugale – (prima parte) – esperienza vissuta

Il mio viaggio alla scoperta di me è iniziato parecchi anni fa, attraverso un evento che ha segnato un doloroso spartiacque nella mia vita: la separazione coniugale. Attraverso la mia separazione coniugale ho avuto modo di affrontare dolori antichi, distacchi prematuri infantili, lutti giovanili, e ogni più piccola paura, fragilità, vulnerabilità che la corazza emotiva…
Leggi tutto

Di quale colore era l’inverno?

Dovremmo dove finisce il mare urtare l’occasione che s’abissa  tra le onde dall’alto dei seni chetare l’irrequietezza. La certezza disporla in granelle di maiolica dove resiste il colore dei tuoi occhi dipingere i gesti sotto la pioggia che cade, mentre intorno dorme il mondo e coprirci col rumore di un’estate passata da sfogliare piano. Forse…
Leggi tutto

Par pu’ lil – parte prima –

Racconto a capitoli PAR PU’ LIL – LA COLLINA DEI FUMETTI –   “Ogni  Mattina sulla collina ogni Mattina sotto la collina ogni   Mattina   ogni   Mattina.” Aveva sempre visto Par Pu Lil da quando aveva memoria, il salice piangente sopra l’alta vallata del fiume. I suoi amici li aveva conosciuti proprio sotto le fronde…
Leggi tutto

IL CUORE SEGUE UNA LOGICA ILLOGICA

Nasciamo tutti diversi e ciascuno con il proprio modo d’interpretare la vita. Ognuno portatore di una gamma infinita di emozioni e sentimenti. Ognuno con il suo modo di amare. Poi diventiamo grandi e la società ci impone un’omologazione da cui non è possibile uscire senza sentirsi emarginati, incompresi e soli. Dentro questo recinto, stereotipato e…
Leggi tutto

Dietro la tua siepe

«Chiaro» dicevo e già non ti guardavo. Aspettavo fossi tu a rientrare da bordo campo. Speravo rifugiassi lo sguardo nello spazio bianco tra i miei seni distanti, tra i miei seni affissi allo sterno – il tuo spazio protetto tutto diverso da quello che non c’era e che ora ci separa. – «Spara» mi dici…
Leggi tutto

Il concetto di perfezione – parte prima –

Partendo dal presupposto che la perfezione in senso assoluto non esiste, né su questa terra né su qualsiasi altro pianeta, perché continuare a perseguirlo? L’ideale di perfezione risiede in tutti noi. Ci accompagna nel corso della vita come una sorta di sfida con gli altri. Ma non si può essere perfetti a questo mondo, sarebbe…
Leggi tutto

Le ali

“Vai! Prendilo”. L’urlo di incitamento del padrone aizzò il cane, un meticcio scuro e violento. L’animale si lanciò verso la preda, un vecchio gatto dal pelo ormai opaco e, in quel momento, irto di paura. Lui capì di non poter fuggire. E si preparò a fronteggiare il pericolo, sfoderando le unghie  verso gli occhi foschi…
Leggi tutto

LABBRA CARMINIO

Bevvi baci di rugiada dalle tue labbra carminio, assaporando il sapore del mostro. Contai milioni di nei sulla pelle, come a voler sfiorare leggero il tuo firmamento. Amandoci aprimmo varchi tra costellazioni di stelle.   di Stefania Carta Pagina Facebook: Ste.ca L’immagine & il Disegno.   photo di Maria Geraldes    

Riflettente

Irrimediabilmente parte senza l’arte che ci contraddistingue. Inevitabilmente pianeti su un’orbita meteoriti pronti alla collisione. Che tramonti il sole! È mia la notte e l’attendo con trepidante attesa come quando, con gli occhi di una bambina e il cuore di una rosa, guardavo il cielo notturno esprimendo un desiderio. Ad occhi chiusi sperando in una…
Leggi tutto