chanceedizioni@gmail.com

Categoria: riflessioni

Marry me

Mi sono sposata. Un fatto forse senza particolari caratteristiche di eccezionalità, qualcosa che avviene milioni di volte in altrettanti luoghi al mondo. Eppure, per me mantiene l’accezione di un miracolo. Lo so, pare sdolcinato e forse lo è. Ma si sente, sapete? Si sente quel qualcosa di sacro che sta dietro alla semplice frase: “Lui…
Leggi tutto

Il concetto di perfezione – seconda parte –

Si diceva che niente è perfetto. Basta guardarsi intorno per capire che la perfezione non esiste. I libri fuori posto sono un’imperfezione, la bottiglia d’acqua mezza piena è un’imperfezione, perfino un’unghia tutta mangiucchiata è imperfezione. Eppure, io, in quella imperfezione, ho sempre tentato di trovare la perfezione. Già, questa parola così astratta ha racchiuso cinque…
Leggi tutto

105 giorni

Ho chiesto spiegazioni anche quando ai fatti una spiegazione non c’era. L’ho chiesto perché speravo di sentirmi dire che non era vero che non andavo bene. Che non era vero che ero troppo. Che tenermi non era impegnativo. Non capivo e tutt’ora non comprendo come sia possibile tornare a dormire sonni tranquilli quando un bacio…
Leggi tutto

Scrivere a tempo

Che cazzo devo scrivere? Ho pensato di tornare un po’ nel passato, a valutare. A vedere se è possibile dare luce a qualcosa di vecchio e di dimenticato. Squattrinato di sentimenti, magari fallito. Non considerato nella maniera becera che la società t’impone. Voglio lasciare che le dita facciano il loro corso, magari facendo(mi) del male,…
Leggi tutto

Il concetto di perfezione – parte prima –

Partendo dal presupposto che la perfezione in senso assoluto non esiste, né su questa terra né su qualsiasi altro pianeta, perché continuare a perseguirlo? L’ideale di perfezione risiede in tutti noi. Ci accompagna nel corso della vita come una sorta di sfida con gli altri. Ma non si può essere perfetti a questo mondo, sarebbe…
Leggi tutto

3 ½

Tre bicchieri e mezzo. È questo il tuo limite. Tre bicchieri e mezzo di acqua e poi basta, prima che questa dallo stomaco risalga su fino agli occhi e ritorni fuori completando il suo ciclo. L’ultima metà è il campanello d’allarme: i muscoli si contrarranno e l’acqua defluirà con fatica per la sottile fessura che…
Leggi tutto

Vi ricordate com’era

Vi ricordate com’era quando eravate felici? Quando scendevate nei cortili e, sotto ai cieli unti di umida estate, correvate dietro alle ombre dei palloni? Eravate felici senza aspettative nel domani, succhiavate avidi le lancette dei secondi imparando a riconoscere i diversi sapori. Ridevate di nascosto sotto ai balconi, dietro agli angoli, sfuggendo alla rigida serietà…
Leggi tutto

Per non sentirsi sole

Le labbra delle donne sono come un campo da battaglia; alcune, rose luminose, sono promesse poi mai mantenute di conturbanti sentieri e abbandoni al peccato, mentre altre, arcigne, ti osservano, e ti condannano alla solitudine. Brutto affare le labbra: screpolate, incontrollate nude, a tratti opache, che sanno di mattine dimenticate, di orgasmi condannati alla rinuncia,…
Leggi tutto

Musa

Tutto vuoto, tutto spento. La luce s’insinua nelle fessure. Perfette, simmetriche. Come noi. Opposte e complementari. Dici che a volte qualcuno può trascinarti in una realtà parallela, un universo a parte. Non mi hai detto mai come se ne esce, però. Mi perdo spesso a guardarti, quando non te ne accorgi o quando fingi di…
Leggi tutto

Dacci un taglio

Arriva sempre un momento nel quale senti che devi eliminare una parte di te per andare avanti, per far spazio al nuovo e di conseguenza al sano. Arriva sempre e, di solito, quando siamo stati male oppure quando siamo nel bel mezzo di un dispiacere che tentiamo di superare. Arriva per consapevolezza, per autodifesa, a…
Leggi tutto