chanceedizioni@gmail.com

Categoria: Senza categoria

Visioni Notturne. Atti unici con Intervallo (seconda parte)

Eugéne Ionesco, nato a Slatina nel 1909 e morto a Parigi nel 1994, per me è sempre stato il più grande drammaturgo del Novecento.  E non credo di esagerare. Tra i maggiori esponenti di quello che chiamano teatro dell’assurdo, io l’ho sempre trovato estremamente razionale. Del resto, lo stesso Ionesco diceva che non trovava assurda…
Leggi tutto

Chi sei?

Non ricordo il giorno in cui spiccai il volo. Forse era un tempo immaginato improvvisamente accanto al mio corpo. Freddo, per il contatto con lo spazio, e caldo per la mole di pensieri che mi avevano accompagnata fino a quel momento. Ognuno può sognarlo a suo modo. Evanescente. Concreto. Ispido. Soffice. Ognuno può ricordarsene, o…
Leggi tutto

Sono io ma sei tu

Sono io ad esser fuggito di sera baciandoti sulla guancia a malapena con gli occhi velati dalla tristezza e l’ebbrezza provata al solo pensiero d’assaporare un corpo non tuo: peccato mortale. Sono io ad averti lasciata mentre avvinghiata sussurravi parole dolci e mature al mio cuore sfatto causa l’urto d’acerbe delusioni. Ma sei tu ad…
Leggi tutto

Un pensiero sul cambiamento. Chi nasce tondo non può morire quadrato.

Il titolo già chiarisce un poco la posizione da cui si parte: il cambiamento non esiste! Almeno il cambiamento come viene inteso all’interno di un “modello ortopedico”, dove da un punto A si deve raggiungere un punto B. L’ortopedico che fa? Aggiusta le tue ossa rotte, le rimette a posto. Eppure chiunque si sia rotto…
Leggi tutto

Alla scoperta di cose vecchie

Da che ho iniziato a mettere per iscritto le mie riflessioni e le mie opinioni non ho mai pensato che avrei potuto scrivere un articolo su questo argomento. Quando ci si mette in discussione, e si va con voglia verso la conoscenza, spesso si finisce con lo stupirsi. Del sapere che si acquisisce qualcosa anche…
Leggi tutto

Il Cielo

Avevo otto anni quando mi piaceva fare un gioco con il mio papà, moltissimo. Ci sedevamo sul balcone a guardare il cielo e fantasticavamo su quelle morbide nuvole bianche che apparivano leggere nel turchino. Ci inventavamo storie di principesse e di cavalieri, di regine e di guerrieri, seguendo quelle morbide nuvole che modificavano la loro…
Leggi tutto

il Cassetto

È diventato tardi Mentre aspettavo che capissi È diventato tardi Quando mi spiavi senza parlare Tardi. Troppo É diventato tardi quando hai pensato che aspettare fosse la mossa migliore. E Quando hai pensato che ci fosse una mossa da fare Quando non hai avuto coraggio, quando non hai capito, quando non hai voluto, quando non…
Leggi tutto

Educazione Sentimentale ( parte seconda)

Cercavo un sinonimo di Uomo, qualcosa che spiegasse bene la mia idea, mi è bastato pensare a una casa. Il piedritto è un elemento architettonico portante, sostiene il peso di altro. L’uomo dovrebbe essere un elemento umano portante, capace di sostenere e resistere. Il fatto che sia umano dovrebbe dargli la possibilità di usare la…
Leggi tutto

Il Piacere

Cosa si racchiude in questa parola, in questo concetto troppe volte abusato e altrettante volte sottovalutato? Il piacere, inteso non solo come orgasmo, è un’espressione di cui spesso si ha paura.osa si racchiude in questa paarola, in questo concetto troppe volte abusato e altrettante volte sottovalutato?Cosa si racchiude in questa parola, in questo concetto troppe…
Leggi tutto

il responso

Amava i suoi sudditi, si prodigava per loro: donava cibo, offriva abiti caldi in inverno, visitava gli infermi, consolava i morenti. Era un re stimatissimo e saggio. A lungo aveva meditato sull’esistenza, sulle sofferenze, sulla malattia. E sulla gioia, così preziosa e rara. Ma ormai quasi anziano, non aveva trovato risposte. Lo pressava il perché…
Leggi tutto