chanceedizioni@gmail.com

La linea editoriale

Chance Edizioni è una piccola realtà editoriale che ha scelto di fare principalmente 2 cose.
La prima è pubblicare autori emergenti italiani, la seconda è di avere una linea editoriale incentrata sull’introspezione emotiva.

Cosa significa introspezione emotiva?

introspezione
/in·tro·spe·zió·ne/
sostantivo femminile
L’introspezione è un atto del pensiero che consiste nell’osservazione diretta ed analisi
della propria interiorità rappresentata da sentimenti, desideri, pulsioni, stimoli prodotti
del pensiero stesso, come pure il senso dell’identità di una persona.

Detta in questo modo può sembrare più complessa di quello che in realtà è.
Introspezione è ascoltare se stessi, lasciare che le emozioni fluiscano, percepire le sensazioni per quelle che sono; introspezione è accoglierle e seguirle, indipendentemente dalla direzione nella quale porteranno.
Agendo in questo modo si può comprendere cosa ci provoca dolore e perché, si può vivere a pieno ciò che fa stare bene, si può cogliere le sfumature dei sentimenti che ogni giorno proviamo e che spesso ignoriamo, ai quali non prestiamo ascolto per mancanza di coraggio, di tempo, o perché rimandiamo ciò che richiederebbe concentrazione. La narrativa introspettiva verbalizza questi processi.
L’ascoltarsi, l’analizzarsi in profondità, il dare spazio alle percezioni.
La scrittura attraverso i cosiddetti flussi di coscienza è una delle forme di narrativa introspettiva più diffusa, nella quale l’autore racconta in maniera istintiva, intima e personale i momenti della sua vita e il modo con il quale li affronta.
Anche con strutture narrative più classiche si può fare introspezione e il romanzo, ad esempio, si presta in maniera perfetta a questo scopo. Affidando ai personaggi tratti reali e pensieri interiori, infatti, si può creare tra fantasia e realtà un percorso che proponga al lettore di volgere lo sguardo verso se stesso.
La metafora è una forma potentissima di esternazione del sé.
Fondamentale in questo tipo di letteratura è il coinvolgimento del lettore e la richiesta di empatia che l’autore gli volge.
Non sempre la comprensione letterale del testo è fondamentale. L’impatto della sensazione epidermica è più forte di qualsiasi significato grammaticale.