chanceedizioni@gmail.com

Tag: chance

SPRING #n

Quando ero bambina immaginavo strani mondi e avventure in miniatura: un sasso diventava un palazzo, una foglia una barca, nell’ombra di una fronda mi spiava una fata, nel rumore del vento sussurravano gli spiriti. Mi divertivo. Mi sentivo in grado di vedere cose che nessuno poteva vedere. Ricordo i giochi nei prati, e quel piacere…
Leggi tutto

Il Tempo

“Raccontami, nonna”. La vecchia sorrise alla nipote. Le piaceva averla accanto, a chiederle storie passate. Le carezzò il capo. Quella ragazza cresceva ogni giorno, si disse la vecchia. E, guardandola, vide la donna che sarebbe stata. Ma nell’ammirarle il viso, la vecchia si confuse. Assomigliava così tanto a sua figlia. La donna si aggrappò ai…
Leggi tutto

UNA NOTTE MAI ESISTITA

Una volta ti ho scritto una lettera. Avevo 13 anni la prima. Ormai più di 20 l’ultima. E ancora oggi mi viene istintivo mentirmi sull’età. Non volevo la leggessi, ti volevo bene. Lì dentro. L’ultima volta. Ho scritto di come ti ho sognata una notte mai esistita dove per la prima volta eri lo scudo…
Leggi tutto

IL BUIO OLTRE IL CUSCINO

Aprile dolce dormire. Chi ha inventato questo proverbio non mi conosceva. Sono nata nel mese di aprile e mi sono sempre chiesta il significato di questo detto; probabilmente il mio rapporto di amore/odio con Morfeo non mi ha aiutata a capirlo. Una delle prime caratteristiche che salta all’occhio guardandomi, oltre al perché mi sia pettinata…
Leggi tutto

Prima o poi, vedremo.

Clementina non ha gli occhi da cerbiatto, ma sa stilare sguardi come se fosse nata in una foresta. È capace di far esplodere l’ascolto, come sibili di mortaio nel fogliame, laddove i rumori si fanno una caccia disperata. Gracchia appena, Clementina, come se fosse sempre autunno. E riesce a trovarsi equilibrata solo se avverte che…
Leggi tutto

IN NATURA

C’è un piacere nei boschi senza sentieri, c’è un’estasi sulla spiaggia desolata, c’è vita, laddove nessuno s’intromette, accanto al mar profondo, e alla musica del suo sciabordare: non è ch’io ami di meno l’uomo, ma la Natura di più. Christopher McCandless (Emile Hirsch) INTO THE WILD Hanno angoli taglienti le pietre, come certi ricordi. Seduta…
Leggi tutto

– poesia –

Il mio cuore va a gettoni puzza di chiuso e quando si alza il vento gli infissi mormorano e accusano Con la voce dei persi di chi non amo più di chi mi è morto dentro tra schegge polverose E ancora risuonate in queste quattro mura strette io non vi dimentico io vi disprezzo ma…
Leggi tutto

La fiducia dell’anima danzante

Le cose stanno cambiando e anche rapidamente; mi sembra di essere stata catapultata in una realtà del tutto estranea e differente da quella che ho sempre avuto davanti agli occhi. Tutto si è trasformato, me compresa, in un qualcosa di completamente diverso e nuovo. Ogni giorno è una vittoria, ogni giorno è una conquista, ogni…
Leggi tutto

Londra

Ti sarebbe piaciuta Londra, tanto quanto è piaciuta a me. Ci saremmo perse in una città che sembra non avere periferia. Avremmo suonato ai campanelli e poi saremmo scappate come facevamo quando eravamo ragazzine; oppure ci saremmo fatte selfie ignoranti sui gradini delle case più belle, quelle coi portoni che ci piacciono tanto, come le…
Leggi tutto

Democrazia Liquida

  I pericoli che temiamo di più sono immediati e dunque è comprensibile che desideriamo rimedi anch’essi immediati: soluzioni «bell’e pronte» che diano sollievo sul momento, analgesici acquistabili anche senza prescrizioni mediche. [… ] Ci infastidiscono le soluzioni che ci chiedano di prestare attenzione ai nostri difetti e misfatti, che ci impongano – socraticamente –…
Leggi tutto