chanceedizioni@gmail.com

Tag: pensieri

Non accordiamoci

Prendiamo uno strumento a caso e facciamo. Facciamo che si suona all’unisono, in concerto con, solfeggiando e prendendo fiato tra le righe. Facciamo che gli spartiti dirigono, e che noi ubbidiamo. Facciamo un gioco che dura finché lo sappiamo, e poi ce ne dimentichiamo. Come al risveglio, quando non sono al mare, coi miei sogni.…
Leggi tutto

105 giorni

Ho chiesto spiegazioni anche quando ai fatti una spiegazione non c’era. L’ho chiesto perché speravo di sentirmi dire che non era vero che non andavo bene. Che non era vero che ero troppo. Che tenermi non era impegnativo. Non capivo e tutt’ora non comprendo come sia possibile tornare a dormire sonni tranquilli quando un bacio…
Leggi tutto

Per non sentirsi sole

Le labbra delle donne sono come un campo da battaglia; alcune, rose luminose, sono promesse poi mai mantenute di conturbanti sentieri e abbandoni al peccato, mentre altre, arcigne, ti osservano, e ti condannano alla solitudine. Brutto affare le labbra: screpolate, incontrollate nude, a tratti opache, che sanno di mattine dimenticate, di orgasmi condannati alla rinuncia,…
Leggi tutto

Musa

Tutto vuoto, tutto spento. La luce s’insinua nelle fessure. Perfette, simmetriche. Come noi. Opposte e complementari. Dici che a volte qualcuno può trascinarti in una realtà parallela, un universo a parte. Non mi hai detto mai come se ne esce, però. Mi perdo spesso a guardarti, quando non te ne accorgi o quando fingi di…
Leggi tutto

Notte bianca

La verità è che se l’è fottuta la paura. Si è fottuta tanta gente, la paura. Con taluni ha avuto più tatto, pare riesca ad esser gentile quando l’aggrada esserlo. Così si insinua lenta sottopelle come inchiostro e tatuaggio cieco. Da lontano, che poi lontano non è, ma sono strane le grandezze: possono essere miliardi…
Leggi tutto

Welcome to Siberia

Tempi difficili ci attendono, tempi che infine son giunti. Afa, arsura, aria arroventata che attizza i nostri corpi come fossimo precipitati tra le bolge dell’inferno. Ghiaccioli caldi, sciolti e sgocciolanti su dita appiccicaticce. Sabbia dentro la bocca, dentro i costumi, dentro ogni singolo orifizio del nostro corpo indistintamente. Costumi. Costumi sgambati, sempre più sgambati, che…
Leggi tutto

Cogito et volo

Hai sofferto tanto, Veronica. Hai lottato con i denti e con le unghie pur di essere qui. Sei stata forte, forse troppo, come troppo spesso sei rimasta sola con i tuoi pensieri. La tua mente girovaga per mete straordinarie, ma impossibili da realizzare. Sei una pura sognatrice. I ricordi non li scordi mai e il…
Leggi tutto

La bellezza non esiste

Perché un’affermazione così assurda? Vi spiegherò, in poche righe, le mie motivazioni. La bellezza, come sappiamo bene, è qualcosa di intangibile, che non si può descrivere dato che è un concetto puramente soggettivo. Eppure, se ci pensate bene, quella che chiamiamo “bellezza” altro non è che “simpatia”. Questo pensiero un po’ strano ci costringe a…
Leggi tutto

“A”

Scegli un nome. Qualsiasi esso sia, scegli un nome e poi donalo a me. No anzi, non regalarmelo, attaccamelo addosso ma non come si fa con gli adesivi, le etichette che, per quanto bene tu possa appiccicarle su qualsiasi superficie, poi la colla ha la pessima abitudine di seccarsi e va a finire che si…
Leggi tutto

Liberarsi

Ogni mattina nella quale riapriva gli occhi dopo aver dormito, o non dormito affatto, gli sembrava di smarrire un frammento in più della sua razionalità. Quelle mattine erano ormai tutte talmente uguali tra loro che arrivò a non saper più riconoscere che giorno fosse: erano assurdamente indistinguibili l’una dall’altra finché non trovava la forza di…
Leggi tutto