chanceedizioni@gmail.com

Tag: Poesia

Riflettente

Irrimediabilmente parte senza l’arte che ci contraddistingue. Inevitabilmente pianeti su un’orbita meteoriti pronti alla collisione. Che tramonti il sole! È mia la notte e l’attendo con trepidante attesa come quando, con gli occhi di una bambina e il cuore di una rosa, guardavo il cielo notturno esprimendo un desiderio. Ad occhi chiusi sperando in una…
Leggi tutto

Discrepanze assuefatte

Il mio immaginare mi assuefà in scontro sempre con il reale.   Si rompe il ghiaccio, divide, in acqua si accorpa: più forte, ma fragile.   La freddezza delle circostanze indurisce e sembra rimanere, la cura dell’indifferenza diventa punteruolo, incide, perfora e rompe.   La domanda è: quale intenzione muove l’incisione? La migliore forma sarebbe…
Leggi tutto

E NON MI INDURRE IN TENTAZIONE

Tu pensi di conoscermi ma non immagini la densità della dolcezza che ti lascerei in bocca Zucchero e aroma di arancia se tu mi assaggiassi   Mi lascio tentare? Potrei chiudere gli occhi sull’approdo dell’ago impietoso a chiave le riflessioni allo specchio e potrei gettar via la gonna bianca e la tragedia della mia incredulità…
Leggi tutto

Pasteggiare

Non piango. Non rido. Sono ferma accanto al tempo, sospesa in un silenzio che avanza come deserto. Giro la testa dall’altra parte per non vedere la piaga, per evitare che la ferita si riapra. Chiudo gli occhi. Eppure mi muovo e cammino, ma non guardo veramente: ho precluso alla sofferenza di manifestarsi e così pure…
Leggi tutto

Un amore delle meraviglie

Sorgi, bimbo è nato il Mondo grida tra le braccia di questa Madre ti ha lavato ogni giorno con il sangue degli altri e ora t’affacci alla finestra mentre le mangi il cuore. Solo la pioggia ora ti frustra mentre assaggi quest’amaro livore. Benvenuto nella Terra delle Meraviglie dove abbiamo imparato a cuocere prima di…
Leggi tutto

In cauda venenum

La poesia è quella cosa che ho la pancia gonfia, non riesco a concentrarmi, la testa mi ronza e la schiena è tutta piegata da pesi invisibili fra le ossa, e allora ecco, foglietto illustrativo una penna nera dopo mangiato, almeno dieci versi, se il caso è grave quindici – tutti d’un fiato, però. La…
Leggi tutto

Mein Her(t)z

Vorresti aver tutto sotto controllo ogni cosa al suo posto, pedine e un gioco di ruolo, ogni cosa in ordine, ma sempre in movimento per non lasciar la polvere, un delirio di onnipotenza, forse è solo apparenza, perché basta uno sguardo per vedere il caos dentro due occhi stanchi, ma vuoi tutto sotto controllo come…
Leggi tutto

Risveglio

Danzano nel risveglio bagliori di sole a sorgere in lontananza tra gli arbusti, nel calice di un giorno che mi riempie di gioia e mi cammina il tempo in attimi d’intensa tenerezza. S’illumina il cielo a regalare in melograni di vermiglia luce la passione del giorno che viene, vestito della stessa speranza di chi attende…
Leggi tutto

Cadde in strada

Caduto, si è buttato, sulla strada l’uccellino ha pigolato piano,   nel tuo piccolo palmo che è più piccolo di lui ha mosso poco il becco   e tu hai pianto e hai singhiozzato quando il passero ha tremato.   C’ho provato, sperato, che non fosse investito e abbiamo sussultato quando l’auto l’ha sfiorato,  …
Leggi tutto

Notti di mezz’estate

La frenesia dell’estate mi cade addosso e l’imprevedibilità della vita non mi fa stare ferma. I pensieri scorrono come pioggia in una notte nera. Letti da me stessa, lasciando fuori il mondo che ormai sembra non appartenermi.   La pelle racconta come un’impronta il contatto, ed essendo giovane ama la passione. Brucia, come gli occhi…
Leggi tutto