chanceedizioni@gmail.com

Tag: scrittura

15 versi

C’è un gioco che si compie nel ciondolarti al mio collo un’ipnosi o, ancora meglio, un tramonto a dirsi sorriso quando io non ne so fare.   C’è un profumo legnoso una fragranza di spezie e mirto come in rioni e mercati vado in cerca d’occhi che siano narici.   Non vuoi che ti domandi…
Leggi tutto

Messaggio

Lasciati suonare le mani. Ti si strugge la linfa nelle vene, mentre osservi tacendo quel fiore rifiorire, un anno sull’altro, a sommare le gelate e le primavere che non giungono. Hai ripreso il colore del pane, quel tuo solito tono narciso che i più disdegnano credendo si tratti di un’esaltazione all’autocompiacimento. Le dita verdi di…
Leggi tutto

Le salutari tentazioni dei narratori in erba

RUBRICA ANIMA DI CARTA: Le salutari tentazioni dei narratori in erba   Più passa il tempo più mi convinco che non esistono ricette preconfezionate per chi scrive narrativa. Raccontare una storia è un’attività più simile a un’arte che non a una scienza esatta, quindi i vari tentativi di ridurre la creazione di un romanzo o…
Leggi tutto

I(m)perat(t)ivi

Contami l’aria che respirerò fra i nodi a cui so sporgermi attraverso i tagli degli alberi sugli scalini del seno un triangolo aperto per i fiumi sottili che tengo dentro al braccio. Riprenditi i salti dei sassi e le apnee di chi affoga per scelta sulla superficie virtuale delle promesse ci sono i miei ‘forse’…
Leggi tutto

Editoriale numero 18

Quando non c’è quello che cerchi poi adeguarti a ciò che è disponibile o provare a fare qualcosa di diverso. A volte quel diverso non vuol dire per forza andare controcorrente, ma semplicemente partire dal basso e dare importanza a cose a cui ormai l’importanza non viene data. 22 pensieri è questo: chilometri per vedersi,…
Leggi tutto

(S)piega_mi

Dovevi essere, come durante le nostre cene, mentre una volta ti dissi: non la conosco la curcuma. Lo spazio di cibo che si è mangiato il nostro tempo oggi te lo voglio restituire. Gli abbracci – mi dici – sono le migliori ricompense all’attesa, e non mi sento nuova pensando a questa cosa, ma di…
Leggi tutto

FIABA D’ASSONANZE SPARSE E D’ORIZZONTI D’ALTRO MONDO

In un paese lontano, l’aria è salmastra ed insipida e ci vuol coraggio a non definirla tale; la gente per le strade respira a fatica e poco refrigerio c’è per delle bocche oramai consumate. In un paese lontano, chiamato comunemente “oltre l’orizzonte” ci son maghetti simpatici e tanto burloni che non perdon tempo in fronzoli…
Leggi tutto

XY00254

È giorno fatto, quando D. decide finalmente di alzarsi. Beve un sorso di caffè freddo ed esce di casa. Non chiude la porta. Non la accosta nemmeno. Il cielo è di un azzurro perfetto, i fiori nelle aiuole sono al massimo del loro splendore, una leggera brezza rende la temperatura ideale. passeggia tranquillamente lungo i…
Leggi tutto

Quando mi si chiede cosa mi spinga a scrivere.

Ho scritto e cancellato più volte, ogni volta convinta di non essere stata sincera fino in fondo.  Certo mi piacerebbe poter dire di essere motivata da nobili fini, ma quasi mai è così, e un po’ diffido di chi sostiene il contrario. Forse, quello che mi spinge a scrivere è dare voce a chi non…
Leggi tutto

IL SOGNO

  Sciabolate di luce nel buio gli feriscono gli occhi. Non capisce cosa stia succedendo: era al caldo in macchina, poi d’improvviso l’auto si ferma, la portiera si apre, lui fuori – uno sgommare rapido, il buio intorno, il freddo. Tutto quello che conosceva è lontano: non ci sono gli odori familiari, i toni attutiti,…
Leggi tutto