chanceedizioni@gmail.com

Tag: viaggi

Andrea e la malinconia

Carissimo Andrea, sto rientrando adesso da L’Aquila, un viaggio non solo fisico. Ci sono stata per girare un corto sulla dimenticanza, o almeno questo voleva essere il senso del lavoro. È stata la mia prima volta a L’Aquila, la prima in assoluto, non solo post terremoto. Ho trovato una città mortalmente (sì, mortalmente!) divisa tra…
Leggi tutto

DI LAGO, DI VENTO.

Un battello fantasma, nel lago; uno scheletro di lamiera che splende, sospeso nel buio. Là, in fondo all’orizzonte. Sembra un’apparizione, con quell’aria che sa di festa jazz, un po’ ai confini del tempo e dello spazio. Mi distrae; mi solletica la mente con la promessa di essere una storia che nessuno ha mai raccontato. Mi…
Leggi tutto

Born to be wild­

Le vacanze convenzion­ali non mi sono mai p­iaciute. Trascorrere ­un’intera settimana a­l mare, in piena tranquillit­à, mi fa andare fuori ­di testa. Odio non fa­re nulla. Posso rilassarmi, cer­to, ma al massimo dur­o tre giorni. Sono una persona a cui piace godersi al cento per cento tutto ciò che c’è. E devo v­edere, toccare, incon­trare…
Leggi tutto

Cinquanta metri quadri di solitudine

“Le persone sole, mangiano jajangmyeon” mi avevano detto. Ma non è la verità. Le persone mangiano jajangmyeon per una molteplicità di motivi: quando traslocano, quando festeggiano il diploma, quando si ritrovano nelle sale fumose da biliardo a giocare, anche coloro che non fumano, anche coloro che ignorano la praticità del biliardo. Le persone che mangiano…
Leggi tutto

Editoriale

Ventidue pensieri si ritrovano ogni mese, salendo su carrozze distinte di un unico treno. Viaggi che cambiano la vita senza rendersene conto, partono senza immaginare neanche un po’ chi sono. Seppur fisicamente distanti si incontrano, confrontano e mescolano cultura, fiaba, politica, natura, solitudine interiore ed attualità come ad un corso di cucina. Hanno tutti una…
Leggi tutto

Straniera ovunque, senza paura

Non conosce la paura e la diffidenza, chi viaggia. Non conosce angustie, non conosce violenza. Non c’è razzismo e promiscuità. Ah, caro mondo, vorrei poterti attraversare e mirare ogni orizzonte che mi poni dinanzi gli occhi mai colmi, mai spenti. Il viaggio, quello che mi abita dentro, che mi ha reso bimba e poi donna,…
Leggi tutto

La fine della Terra

Il nome “Madagascar” deriva da “Madagasikara”, termine malgascio che significa “fine della Terra”. Prima di partire questo lo sapevi già. Avevi studiato sui libri e in rete tutto quello che è stato scritto su questo Paese. Eri attratto dalla sua lontananza, non solo geografica, non solo dall’Europa. Volevi vedere con i tuoi occhi dove finisce…
Leggi tutto

Manifesto del Viaggiatore

“Chi sono quelle persone che, come me, hanno scelto il viaggio come stile di vita? Chi siamo? Mi guardo in giro mentre viaggio il mondo e vedo una tribù di uomini e donne provenienti da ogni parte del globo, dispersi a ricercare, a sperimentare, a fotografare, a raccontare. Nomadi? Può darsi, di sicuro siamo persone…
Leggi tutto

Oslove

Il nord Europa ha un fascino particolare, tutto suo, che solo le anime sensibili possono capire. Il fascino della solitudine. Quella buona, quella che lascia spazio ai pensieri più intimi. I fiordi  norvegesi, dove l’oceano timidamente si fa spazio, senza disturbare, senza essere prepotente. La natura sconfinata, i boschi incantati. Sembrano posti così lontani, così…
Leggi tutto

Il Mondo: Un Fantasmagorico Caleidoscopio

«Certe volte viaggiare è come narrare una storia priva di una trama stabilita. Pertanto il racconto è un terreno alieno che si presta ad essere sondato mentre, passo passo, vi si accompagna dentro il protagonista: la strada non sarà mai com’era prima che il personaggio la battesse, il personaggio non sarà mai lo stesso una…
Leggi tutto